Consiglio comunale Albenga: che fine ha fatto la Commissione sull’ospedale?

Stemma del municipio all'entrata del Palazzo comunale di Albenga

Albenga | Si è riunito ieri sera il Consiglio comunale di Albenga. Tra gli ordini del giorno votati c’è stata la proposta avanzata dal consigliere di minoranza Eraldo Ciangherotti di conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre, approvata all’unanimità, insieme all’invito a partecipare alla cerimonia per la consegna della medaglia d’Oro al merito ricevuta dalla città di Albenga. L’età e i molteplici impegni della senatrice difficilmente renderanno possibile una sua presenza, ma il Consiglio ha voluto comunque dare un segnale simbolico di “pedagogia civile” contro ogni minaccia di ritorno a climi di odio e razzismo persecutorio.

RobertoMichels

Unanimità anche sulla necessità di sollecitare Ferrovie dello stato affinché investa in miglioramenti nella manutenzione e sicurezza della Stazione di Albenga, riducendo periodici stati di degrado segnalati dalla cittadinanza. Per i senzatetto che talvolta trovano riparo, in genere – ha ricordato l’assessore Simona Vespo – si attivano i servizi sociali e sono attivi anche i City Angels per dare una mano; ma si tratta in alcuni casi di situazioni di difficile soluzione per le quali non si può fare molto. Il consigliere Raiku Radiuk ha invece ricordato che è in itinere un progetto con finanziamento europeo che dovrebbe consentire un “restyling” della stazione, includendo anche l’inserimento di un ascensore che potrebbe così risolvere definitivamente il problema delle barriere architettoniche, le quali al momento creano difficoltà ai diversamente abili costretti a procedure un po’ macchinose per accedere ai binari.

Più controversa è stata invece la questione relativa alla cessione all’ASL del diritto di proprietà delle aree sulle quali sorge l’Ospedale Santa Maria di Misericordia. L’accordo raggiunto contiene una clausola che impone di conservare la destinazione ospedaliera anche nel caso di una successiva alienazione dell’ospedale da parte dell’Asl, in sostanza “blindando” il nosocomio ingauno. I Gruppi consiliari di minoranza al momento del voto si sono astenuti e l’OdG è passato con i voti della sola maggioranza. I cinque consiglieri di minoranza (Calleri, Ciangherotti, Minucci, Porro, Tomatis) nei loro interventi hanno sollevato principalmente due problemi: la mancata convocazione della Commisione sull’ospedale istituita lo scorso 30 agosto, ma in pratica mai attivata (si è riunita una sola volta in prossimità dell’atto costitutivo) che in questa occasione sarebbe invece stata utile per approfondire adeguatamente la questione prima di arrivare a un voto in Consiglio comunale; inoltre la minoranza ha dato alla risoluzione un significato non esclusivamente tecnico/giuridico – come inteso dalla maggioranza e argomentato nella sua relazione dall’ex sindaco e consigliere Giorgio Cangiano – ma anche politico, imputando soprattutto inadempienze alla Regione durante l’amministrazione Burlando/Montaldo (2013). Da qui la loro decisione di optare per l’astensione.

La mancata convocazione della Commisione sull’ospedale è stata di nuovo “contestata”, in particolare dal consigliere Gerolamo Calleri, anche quando è stato discusso l’atto di indirizzo a tutela degli attuali livelli occupazionali degli operatori del reparto di chirurgia ortopedica dell’ospedale di Albenga, anche se poi il documento è stato approvato all’unanimità con il sostegno di tutto il Consiglio comunale.

A margine di questi principali punti dibattuti ieri in assemblea, c’è stata infine la designazione del nuovo membro del Consiglio di amministrazione della scuola materna “Ester Siccardi” che subentra al dimissionario Jacopo Podio. Spettando alla minoranza la decisione sul nome, è stata nominata l’ex consigliere Ginetta Perrone che ha ricevuto 5 voti; la maggioranza ha votato scheda bianca. (effe)

Il Consiglio Comunale di Albenga nella seduta del 6 Febbraio 2020

Ultima revisione articolo: