Tappa del giro d’Italia ad Albenga… in cerca d’autore: botta e risposta tra Lugani (FI), Porro (Lega) e il vice sindaco Tomatis

di Fabrizio Pinna – Albenga. Polemica da parte dell’ex assessore allo tomatisSport Guido Lugani (FI) e del consigliere Cristina Porro (Lega Nord) in merito alle affermazioni del vice sindaco Riccardo Tomatis, il quale durante l’ultimo Consiglio comunale di martedì scorso ha affermato che sul Giro d’Italia mai è stata fatta alla RCS sport alcuna richiesta da parte del Comune ingauno per avere una Tappa del Giro ad Albenga.

Sulla linea di opposizione “aggressiva” recentemente dettata alla minoranza di Fi e Lega dal consigliere Eraldo Ciangherotti (FI), ritornano ancora una volta – come già nelle accese polemiche degli ultimi giorni contro l’amministrazione Cangiano – le accuse di “menzogna e inettitudine”: «Sarebbe stato corretto e doveroso da parte del Vicesindaco Tomatis – si legge oggi in una nota diffusa a nome di Porro e Lugani – riconoscere davanti all’intera cittadinanza che la via maestra per portare ad Albenga questo importantissimo evento fu tracciata dalla precedente amministrazione [Guarnieri], piuttosto che arrogarsi impropriamente i meriti».

«Delle due, l’una. Riccardo Tomatis o mente sapendo di mentire, oppure è un incompetente» sostengono gli esponenti di minoranza: «Si, bugiardo o incapace, perché agli atti del Comune, risulta una lettera protocollo n. 29029 del 24 giugno 2013, a firma di Guido Lugani, assessore all’epoca, e debitamente indirizzata alla RCS sport, per proporre la candidatura della Città di Albenga ad ospitare una tappa del giro d’Italia. Da lì, infatti, è cominciato l’iter formale per portare la maglia rosa sotto le torri della nostra città. Iter, per altro, preceduto da pregressi contatti personali assunti dal medesimo ex assessore Lugani che fu ospite della RCS sport, insieme ai funzionari comunali, alla gara ciclistica Milano-Sanremo 2013».

La replica del vice sindaco con delega allo Sport Tomatis all’ex assessore Guido Lugani e al consigliere comunale Cristina Porro non si è fatta attendere: «premesso che gli uffici non ricordavano la richiesta in oggetto, nessuna bugia da parte mia, poiché la richiesta di cui parlano Lugani e Porro è stata protocollata in data 24/06/2013 e quindi riferita a un’altra edizione del Giro. La richiesta di cui oggi sono venuto a conoscenza e indirizzata ad un’impiegata di RCS Sport, non è mai stata presa in considerazione da parte degli organizzatori del Giro e pertanto non può aver avviato alcun iter formale, considerato altresì che nel 2014 nessuna tappa ha interessato la città di Albenga».

«Ho sentito Mauro Vegni, Responsabile tecnico sportivo Area Ciclismo RCS – puntualizza Tomatis in una nota – che, a conferma delle mie parole, afferma infatti: “non sono state prese in considerazione vecchie domande provenienti da parte di singoli comuni, tantomeno se riferite alle edizioni precedenti. La scelta organizzativa del Giro d’Italia di quest’anno è stata improntata a un rapporto diretto con la regione Liguria”». «Sono talmente incompetente che a loro non hanno neppure risposto e a noi hanno assegnato addirittura la partenza del Giro d’Italia», conclude sarcastico il vice sindaco Riccardo Tomatis.

6 Commenti

  1. @Gian Burrasca, andranno avanti così perché i superbi non sanno imparare mai nulla dalle proprie sconfitte; a ogni sparata mediatica si danno felici le pacche sulle spalle tra di loro, convinti di aver fatto un figurone di fronte alla cittadinanza; sembra sempre che dicano: “vedete quanto siete stati stupidi a non averci votato?”. È deprimente: non si rendono nemmeno conto che invece – come già in campagna elettorale – si stanno solo parlando addosso, incoraggiati da qualche sciocco ultras pronto a fare un coro da stadio qualsiasi belinata dicano. Il problema è che una minoranza così infantile, scadente e di basso profilo purtroppo penalizza e squalifica tutta la città. Con tutti i problemi seri che ci sono, si stanno comportando come degli irresponsabili cialtroni.

  2. grande!!!! luganichi è tornato!!!!!! 😀 non si spara sulla croce rossa! luganichi sindaco!!!

  3. ma cos’è, un ventriloquo che gioca a dare voce ai pupazzetti?!?!?! luganichi si capisce, dopo la batosta elettorale per la vergogna si è nascosto per mesi ma la Porro sembrava un cervello lo avesse quando ha fatto l’assessore… dov’è finito, ha fatto spazio alla manina che ora muove le sue labbra?!?!?!?

  4. La minoranza era così brava a governare che si è mandata a casa da sola…Questi signori dovrebbero chiedere scusa per come hanno lasciato Albenga e prendere atto che governare non è affar loro.

  5. Siamo alle solite con i toni offensivi che usa una certa parte della minoranza pur di mettersi in mostra e far credere ” agli ingenui ” di essere in ogni caso e sempre i migliori: coloro che non sbagliano mai, ” le intelligenze pure ” – Va bene ed è sempre accettata la critica ma non l’offesa sulla persona. Ciò è indice di una cultura di livello elementare e scarsissimo senso civico. Speriamo che costoro non abbiano a governare mai più altrimenti c’è il rischio di tornare ad un ben triste periodo della storia italiana.

I commenti sono bloccati.