Savona, nonni e nipoti giocano in piazza

anziano visto come bambino

Auser Savona organizza per venerdì 28 ottobre, nel pomeriggio, un’attività ludico ricreativa, nell’ambito del Patto regionale per il contrasto alla povertà educativa #MindtheGap.
Forum del Terzo Settore e Regione Liguria all’inizio dell’anno avevano stretto un patto per promuovere, con fondi del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali destinati alle associazioni di volontariato e promozione sociale, un progetto dedicato ai bambini e ragazzi sino a 18 anni, per contribuire a contrastare i fenomeni di esclusione e le diseguaglianze nei percorsi formativi.

Auser Savona nei mesi scorsi ha lavorato in questo ambito con le attività che abbiamo chiamato “Giocando”, un titolo che ha un sottotitolo “gerundio medicinale”, ispirato alla filastrocca di Gianni Rodari “Il verbo solitario”: per il povero Dario alle prese con la coniugazione dei verbi, per fortuna non manca un gerundio medicinale: “il malato, giocando, dimentica ogni male”.
Se povertà educativa significa “mancanza di opportunità educative a tutto campo”, compreso il diritto al gioco, “il diritto ad apprendere, formarsi, sviluppare capacità e competenze, coltivare le proprie aspirazioni e talenti” trova nel gioco uno strumento essenziale.
Da maggio a settembre sono stati organizzati laboratori, incontri, corso di breakdance, proiezione di un film di animazione, merende insieme e musica, nello spazio dei giardini di Via Amendola, con il gruppo Auser “Giardinetti365”, e alla Società di Mutuo Soccorso della Rocca
L’iniziativa di venerdì 28 che si svolge in Piazza Sisto IV, “Giochi in Piazza per Nonni e Nipoti”, è parte di un’altra azione progettuale, costruita da Auser Liguria, “Nonni per tutti”: in sintesi, nostri volontari e volontarie si mettono a disposizione della comunità per dare vita a momenti di gioco e di socialità per bambini e bambine. Il rapporto con i bimbi e le famiglie è improntato alla massima inclusività e al valore del gioco come strumento essenziale della relazione tra minori ed adulti e in particolare tra nonni e nipoti.

A partire dalle 15 saranno accolti i bambini e le bambine, con i loro genitori e nonni. Inizierà poi il laboratorio di disegno e collage per costruire arcobaleni, mentre il gruppo Auser Arcobaleno Dance coinvolgerà nel ballo di gruppo sia i nonni che i nipoti; il Ludobus di ProgettoCittà riempirà la piazza di giochi tradizionali e non; Anteas – Associazione Nazionale per Tutte le Età Attive per la Solidarietà – (una delle associazione della rete che ha sviluppato il progetto regionale nel territorio savonese) porterà in piazza la scacchiera gigante e farà giocare grandi e piccini.

L’evento è patrocinato dal Comune di Savona che ha assicurato il proprio supporto alle attività che si sono sviluppate per l’attuazione dei progetti descritti. Il tema del contrasto alla povertà educativa sarà approfondito anche nella sede del Patto per la Scuola, promosso da Comune stesso con l’assessore alle Politiche Educative Elisa Di Padova, per produrre elaborazione ed azioni, in collaborazione innanzitutto con le scuole e il sistema dei servizi alla persona.