Lotta alla Vespa Velutina: è di Garlenda la prima squadra di Protezione Civile Savonese abilitata

Nel mese di marzo 2021 la Squadra di Protezione Civile di Garlenda ha promosso e coordinato una campagna di trappolaggio mirata a catturare le regine di Vespa Velutina, che ha coinvolto attivamente i cittadini del comune particolarmente sensibili a problematiche di tipo ambientale.

Pubblicità

Questo calabrone asiatico infatti rappresenta una seria minaccia per la biodiversità in quanto assedia gli alveari a caccia delle api che smettono di uscire per raccogliere il cibo necessario a nutrire la loro famiglia: la colonia si indebolisce pericolosamente e riduce la propria importante attività di impollinazione, dalla quale dipende la capacità riproduttiva di tantissime specie di piante.

La volontà dei Volontari di protezione civile di fornire un contributo attivo nella lotta alla diffusione di questa specie aliena, li ha portati a frequentare un corso specifico sull’argomento organizzato da API Liguria: Omar Alessi, Alberto Bronda, Davide Dicerto, Gianluca Fragapane, Nicola Meli e Dario Urselli sono i sei volontari che formano la prima squadra di protezione civile nella provincia di Savona incaricata dall’Ente Parco Alpi Liguri alla neutralizzazione dei nidi di Vespa Velutina e che, grazie al contributo di ALPA Miele Liguria, è ora attiva e pronta ad intervenire.

Pubblicità

“Con l’arrivo del freddo le regine di Vespa Velutina lasceranno il nido per trovare un luogo adatto dove superare l’inverno” spiegano i volontari, proseguendo: “sarà quindi necessario con l’inizio di Novembre rispolverare le trappole utilizzate in primavera per catturare gli esemplari alla ricerca di zuccheri: chi non le ha e vuole dare il suo contributo può ritirare le trappole in Comune”.