8 marzo: “Nell’anno del Covid sono le donne a pagare il prezzo più alto sul fronte occupazionale”

donna

Giornata internazionale della donna. Nell’anno del Covid sono le donne a pagare il prezzo più alto sul fronte occupazionale con il 70% di tutti i posti di lavoro persi nel 2020 e una situazione che rischia di aggravarsi quando finirà il blocco dei licenziamenti previsto dal governo. È quanto emerge dall’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in occasione della festa dell’8 marzo sugli ultimi dati Istat a dicembre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

E “se in passato la maggiore presenza nel settore dei servizi era una peculiarità che garantiva alle donne una maggiore resilienza e capacità di uscire prima dalle crisi adesso – evidenzia Uecoop – l’emergenza Covid ha stravolto tutti gli schemi con proprio i servizi, dal turismo alla ristorazione, che stanno pagando il prezzo più pesante dal punto di vista economico. La situazione di difficoltà dell’Italia mette a rischio la crescita delle donne nel mondo del lavoro con il tasso di occupazione che, dopo essere aumentato di 16 punti percentuali negli ultimi 40 anni, dopo dodici mesi di bufera Covid è sceso al 48,6% a fine 2020, secondo l’Istat”.

Nonostante le evidenti difficoltà aggravatesi con la pandemia – continua Uecoop – la partecipazione delle donne al mercato del lavoro può contare su due punti di forza: il cambiamento culturale nei confronti della presenza femminile e il maggiore livello di istruzione con il tasso di impiego delle laureate che ha superato il 75%. In questo contesto le cooperative rappresentano un importante baluardo della presenza femminile nel mondo del lavoro con quasi 1 realtà su 4 (23,6%) guidata da donne secondo un’elaborazione di Uecoop su dati registro delle imprese.

“Esiste nelle cooperative un patrimonio di professionalità che rappresenta una risorsa per il Paese, crea ricchezza, offre servizi, contribuisce all’emancipazione, garantisce la conciliazione dei tempi di lavoro con quelli di vita familiare, offrendo un contratto stabile con assunzioni a tempo indeterminato per l’85% degli addetti e dove – conclude Uecoop – il contributo delle donne è sempre più strategico”.

ITALIA SOLO 14ESIMA IN UE SU PARITÀ DONNE

Nell’anno del Covid l’Italia inoltre si piazza solo al 14esimo posto a livello europeo nella classifica dei paesi che rispettano la parità di genere, ben quattro posizioni sotto la media Ue, secondo l’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati Eige (l’Istituto europeo sulla parità di genere). Il Gender equality index dell’Eige prende in considerazione diversi parametri, dalla presenza delle donne nei consigli di amministrazione al livello di retribuzione rispetto agli uomini, dalla divisione dei lavori domestici con i maschi alla rappresentanza femminile nel Governo e nel Parlamento sino al tasso di occupazione nel mondo del lavoro.

«La crisi generata dalla pandemia – sottolinea Uecoop – rischia di vanificare parte dei progressi fin qui fatti dall’Italia nel campo della parità di genere con ben 4 posizioni guadagnate dal 2015 a oggi sulla classifica europea dove ai primi posti si piazzano Svezia, Danimarca, Francia, Finlandia e Olanda, mentre per quanto riguarda i Paesi più prettamente mediterranei all’interno della top ten europea c’è solo la Spagna che si piazza ottava. In Italia le donne guadagnano ancora in media il 18% in meno rispetto agli uomini mentre fra le mura domestica sono loro a svolgere la quasi totalità (81%) dei lavori di casa e anche se si prendono in considerazione le coppie con figli e senza figli sono le prime a registrare la minore parità di genere, secondo dati Eige.»


SU IBS SONO TORNATI I SALDI D'ESTATE!
Migliaia di prodotti in offerta! Centinaia di proposte per la casa, libri, film, musica, giochi, elettronica e hi-tech con sconto fino a -60%