Giove e Saturno, la grande congiunzione del 21 dicembre 2020

Ghione (Associazione Astrofili Orione): “È un fenomeno abbastanza raro, le congiunzioni di Giove con Saturno avvengono normalmente ogni 20 anni, ma in realtà una congiunzione così stretta non avveniva dal 5 marzo 1226, circa otto secoli fa”

Associazione Astrofili Orione - Giove Saturno e Luna

Savona | Già a luglio avevamo osservato i due pianeti giganti, Giove e Saturno che dominavano il cielo estivo. Poco per volta questi due pianeti si sono spostati verso ovest e gli osservatori più attenti avranno notato che si stanno avvicinando sempre più.

“La minima distanza sarà fra un mese, il prossimo 21 dicembre, per quella data i due pianeti saranno in congiunzione, cioè appariranno quasi come un unico puntino in cielo. In realtà la vicinanza è solo apparente, sono semplicemente allineati con la Terra fra di loro vi è una distanza di 730 milioni di km” spiega il presidente dell’Associazione Astrofili Orione.

“È un fenomeno abbastanza raro, le congiunzioni di Giove con Saturno – prosegue Ugo Ghione – avvengono normalmente ogni 20 anni, ma in realtà una congiunzione così stretta non avveniva dal 5 marzo 1226 circa otto secoli fa, quindi è sicuramente un’occasione da non perdere. La prossima congiunzione sarà il 5 novembre 2040. Inoltre l’astro di cui si parla nei Vangeli e che avrebbe guidato i Re Magi a Betlemme potrebbe essere proprio un fenomeno di questo tipo, una congiunzione di Giove e Saturno che all’epoca era ricca di significati astrologici, infatti Giove era associato in molte culture alla regalità, in effetti è realmente maestoso e luminosissimo, mentre Saturno essendo il più lento dei pianeti visibili ad occhio nudo rappresentava il tempo, un evento raro che li vedeva insieme era interpretato come l’annuncio dell’arrivo del Re di tutti i tempi”.