Morte di Carla Nespolo, “Rifondazione si stringe attorno alle donne e agli uomini dell’ANPI”

lutto

Roma / Genova | “Ci è appena giunta la notizia della morte di Carla Nespolo, Presidente dell’ANPI. Ci stringiamo, nel dolore, alle compagne e ai compagni dell’ANPI, Carla era un punto di riferimento per diverse generazioni, soprattutto per i giovani, in una lotta antifascista mai terminata i cui valori oggi come ieri sono necessari”. In una nota della segreteria nazionale di Rifondazione Comunista, il cordoglio.

“Carla Nespolo ha continuato a dirsi comunista anche in tempi come questi in cui si fa l’azzardo di equiparare nazismo e comunismo. Da quando, è stata eletta Presidente, per la prima volta una donna,  aveva, da subito, iniziato a lasciare una sua impronta originale. Una compagna contraria alla “sinistra equidistante” in temi come le libertà e i diritti, una compagna che considerava il razzismo diffuso come il segnale più virulento di nuove forme di fascismo da contrastare ovunque”.

“Una partigiana che non ha mai accettato la retorica in cui si tenta spesso di rinchiudere la Storia ma che ha sempre, con l’esempio personale, scelto di guardare all’oggi conoscendo i pericoli di ieri. Ciao Carla, ti salutiamo a nome delle compagne e compagni del Partito della Rifondazione Comunista ricordando che spesso abbiamo avuto il privilegio di incrociare i nostri percorsi e le nostre lotte. Non lo dimenticheremo mai, te lo dobbiamo” conclude la segreteria nazionale di Rifondazione Comunista.