Triumphus Albenga: il sindaco Tomatis racconta i risultati raggiunti nel primo anno di amministrazione

"mi sono trovato a scrivere un lungo elenco di risultati ottenuti e progetti intrapresi nonostante le difficoltà legate al Covid, che mi hanno reso orgoglioso di quanto fatto"

Riccado Tomatis sindaco di Albenga

Albenga | «Respice post te. Hominem te memento». Il 9/10 giugno dello scorso anno Riccardo Tomatis e la sua squadra vinsero al ballottaggio le elezioni comunali di Albenga. Il sindaco traccia un bilancio positivo di questo primo anno di amministrazione “durante il quale, nonostante l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, hanno visto la luce e si sono concretizzate molte opere e progetti”. “Quello appena trascorso non è stato un anno semplice” riassume il sindaco Riccardo Tomatis: «Già a novembre abbiamo subito pesanti conseguenze legate al verificarsi di alcuni eventi meteorologici che hanno arrecato danni al territorio e alle nostre aziende. Come tutti sanno, abbiamo vissuto poi questa terribile emergenza sanitaria che ha sconvolto tutto il Mondo. Questa pandemia ci ha impegnato molto sia per quel che concerne l’aspetto sanitario che mi ha visto coinvolto personalmente anche in qualità di medico. Insieme ai miei colleghi, infatti, ho combattuto sul territorio questo nemico invisibile».

«L’emergenza sanitaria, che fortunatamente pare si stia risolvendo, ha arrecato anche pesanti difficoltà economiche sia ai privati cittadini che all’Ente comunale (il cui danno potrebbe essere stimato intorno al milione di euro, forse anche di più). In questi ultimi giorni mi sono fermato a pensare alle cose che abbiamo realizzato durante questo nostro primo anno di amministrazione e devo dire che mi sono trovato a scrivere un lungo elenco di risultati ottenuti e progetti intrapresi nonostante le difficoltà legate al Covid, che mi hanno reso orgoglioso di quanto fatto. Siamo riusciti ad affrontare molte difficoltà, abbiamo realizzato molti interventi pubblici, dando la priorità,in questo periodo, all’aspetto legato al sociale, all’ambiente, al turismo e alla sicurezza, tutto ciò grazie al fatto che siamo una squadra coesa e compatta che lavora con costanza e capacità verso un obiettivo comune: il bene di Albenga. Per questo voglio ringraziare il vicesindaco, il presidente del consiglio comunale, tutti gli assessori e i consiglieri. Sono persone che, senza cercare i riflettori ad ogni costo e nonostante critiche e attacchi anche personali e spesso strumentali, stanno lavorando alacremente e che oggi, ancora più di ieri, stimo e considero ottimi amministratori e amici. Sono certo che insieme potremo ottenere tanti altri risultati e raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati e per i quali i nostri concittadini ci hanno scelto».

Bilancio. Nel fare un suo excursus di quanto realizzato in questo primo anno di amministrazione il sindaco Riccardo Tomatis ricorda: «Tra le opere pubbliche che siamo riusciti a iniziare in quest’anno voglio citare innanzitutto l’intervento da 2,5 milioni di euro, finanziato attraverso i fondi PSR, su Rio Fasceo e Carendetta. Si tratta di un’opera che andrà a mettere in sicurezza, dal punto di vista idrogeologico, un’area sulla quale insistono abitazioni e aziende agricole che grazie a questi lavori non dovranno più convivere con il timore di subire esondazioni e danni a ogni pioggia. Questo intervento è un chiaro esempio della continuità amministrativa e speriamo che possa essere realizzato, almeno nella sua prima parte, entro l’inizio della stagione invernale e del maltempo. Sempre sul tema della sicurezza idrogeologica voglio sottolineare come in questo primo anno abbiamo portato avanti la programmazione di interventi di pulizia di rii e fossati che, in molte occasioni, si è rivelata di importanza decisiva durante le forti piogge. Inoltre abbiamo gettato le basi per la costituzione di un consorzio di bonifica – scelta molto gradita dal mondo agricolo – che andrà a intervenire in maniera sistematica proprio su queste tematiche. In quest’anno ricordo che abbiamo dovuto affrontare e realizzare anche interventi legati ai danni arrecati dal maltempo. Tra tutti voglio ricordare la messa in sicurezza una strada importante quale quella che conduce alla via Julia Augusta (salita Fatima) intervento grazie al quale abbiamo potuto anche allargare via San Calocero».

«Un altro intervento importante e fortemente atteso è quello relativo ai lavori di ampliamento interno del cimitero di Leca. Il progetto prevede la realizzazione di 360 loculi divisi in 2 corpi di fabbrica (ciascuno di 180). Il primo lotto vedrà la costruzione dei due piani terreni dei blocchi. Il numero di loculi prefabbricati sarà 160. Non solo, infatti, l’attenzione ai nostri cimiteri è completa e riguarda anche la loro pulizia e la manutenzione ordinaria. Focus dell’Amministrazione Tomatis è, inoltre, l’edilizia scolastica.Sta procedendo il progetto che porterà Albenga ad avere un nuovo e innovativo Polo Scolastico (per il quale il Comune ha ottenuto un finanziamento statale di 10 milioni che saranno destinati esclusivamente a questo scopo) che potrà dare una grande risposta, non solo al Licei presenti nella nostra città, ma anche agli istituti tecnici che potranno essere spostati negli edifici più idonei (si pensi ad esempio all’Itis). Sul punto – specifica il sindaco – il bando per l’affidamento dell’intervento di demolizione dell’ex caserma Turinetto sarà pronto entro l’anno e, quindi, i lavori dovrebbero iniziare già nel 2021. Nel frattempo l’Amministrazione ha una particolare attenzione per la sicurezza dei ragazzi, infatti a breve inizieranno i lavori di adeguamento sismico al Liceo G.Bruno di Albenga (350 mila euro) mentre si sta procedendo a portare avanti le procedure per la realizzazione di interventi anche su altri edifici scolastici come ad esempio il miglioramento sismico e adeguamento antincendio delle scuole Paccini e delle scuole di via degli Orti. Si tratta di interventi molto importanti per un importo complessivo di 1 milione 200 mila euro. Sempre in tema sicurezza, ma questa volta delle infrastrutture, voglio ricordare che abbiamo già eseguito la prima fase dei lavori di manutenzione straordinaria del Ponte Viveri (intervento sulle rampe di raccordo al ponte e ai giunti di dilatazione su entrambe le carreggiate) e ripartirà presto la seconda fase, quella della riverniciatura dell’arcata e di tutte le parti metalliche (necessaria oltre che per ridare il colore rosso al ponte anche per proteggere la struttura del Ponte) che era stata sospesa a causa del Covid 19».

Importanti interventi anche agli impianti sportivi di Albenga” prosegue il sindaco Tomatis. «Ripartiranno presto i lavori di rifacimento del tetto del Palasport adibito a Bocciofila in Viale Olimpia che diventerà un centro polifunzionale oltre ad essere un importante luogo di aggregazione per tanti anziani della nostra città. A breve inizieranno i lavori di impermealizzazione delle tribune dello Stadio Riva (già oggetto di un importante intervento di rifacimento del campo in sintetico) necessari ad evitare che le piogge possano danneggiare gli spogliatoi e nella speranza che prima possibile possano riprendere le attività sportive.Sempre nel senso della continuità sono stati completati i lavori di rinnovamento del Palamarco: il rifacimento degli spogliatoi e dei servizi igienici (gli arredi e i sanitari sono stati rinnovati ed in parte sostituiti), la sostituzione e il rinnovamento degli infissi (le finestre saranno meccanizzate e le porte sono state in parte sostituite. Particolare attenzione anche alle uscite di sicurezza), il rifacimento dell’intonaco e tinteggiatura degli spazi interni e un importante intervento sul parquet necessario per poter svolgere al meglio anche le attività di pattinaggio».

Per quel che riguarda l’edilizia privata, il turismo e l’ambiente «ricordiamo alcuni interventi che apporteranno nette migliorie a diverse zone di Albenga. Si pensi ad esempio il VistaMare che sta andando verso il completamento e darà un aspetto diverso alla zona, collegato a questo intervento ricordo che inizieranno a breve i lavori di ristrutturazione del cinema Astor che finalmente darà alla città uno spazio polifunzionale di aggregazione culturale. Sempre in zona lungomare, inoltre, sono partiti i lavori per la realizzazione della nuova piazza pubblica in prossimità della Lega Navale che creerà uno spazio adatto a eventi e manifestazioni in zona mare cosa che Albenga ad oggi non ha e che darà lustro alla nostra passeggiata. Sempre per quel che concerne la zona mare stiamo andando avanti con il Progetto Moli per il quale siamo riusciti ad ottenere un finanziamento di 2,5 milioni di euro. Attraverso questo interveto non solo riusciremo a proteggere la nostra costa dalle mareggiate, ma anche le realtà esistenti e i titolari dei bagni marini. Inoltre creeremo nuove spiagge in Viale che Guevara riuscendo a dare una importante risposta alle attività turistiche ivi esistenti.Strettamente legato a turismo, zona mare, ma anche e soprattutto all’ambiente, ricordo che, con l’inizio dell’estate è previsto l’avvio della depurazione. Questo permetterà di valorizzare il turismo legato alla balneazione e di ottenere l’ambita bandiera blu garanzia di sicurezza delle nostre acque. Sempre per quel che riguarda l’attenzione all’ambiente, Albenga ha rivoluzionato il sistema della differenziazione sostituendo tutti i vecchi cassonetti con le nuove campane igienicamente sicure e più comode per gli utenti che potranno conferire i rifiuti, differenziati adeguatamente, in tutti i giorni della settimana. Attenzione da parte dell’amministrazione, inoltre, al verde pubblico. Sono stati effettuati importanti interventi di potatura (sia nel centro cittadino che nelle frazioni) e sui marciapiedi che in molti punti sono stati sollevati dall’apparato radicale degli alberi.»

Sicurezza e sociale. «Sul tema sicurezza, premettendo che questa non è mai abbastanzae, quindi, continueremo a mettere alto il massimo impegno, devo dire che l’aver dedicato un assessore proprio a questo tema sta portando ottimi risultati. Così come ha sottolineato anche il viceprefetto e come è stato evidenziato durante gli ultimi tavoli della sicurezza, il numero dei reati è in continua diminuzione e, sebbene ci siano ancora situazioni particolari, le forze dell’ordine e i nostri agenti di polizia locale sono presenti sul territorio e stanno lavorando con efficacia. Per quel che concerne il sociale – specie in un momento particolarmente difficile come quello legato al Coronavirus – abbiamo sempre cercato di sostenere i cittadini più deboli e quelli più colpiti da questa pandemia. A tal proposito a questi abbiamo destinato somme importanti sottoforma di buoni spesa e presto partiranno altri progetti a sostegno dei cittadini per andare incontro a quelle realtà che fanno fatica a venire fuori dalla crisi».

«Un modo per aiutare la nostra città a ripartire dopo l’emergenza Covid è, inoltre, quello di puntare e investire sull’immagine di Albenga e sul turismo.Proprio per questo intendiamo portare avanti iniziative per le quali c’eravamo già spesi prima di questa emergenza (durante le festività natalizie, ad esempio abbiamo trasformato il centro storico in una vera e propria attrazione che ha richiamato turisti e visitatori sia da paesi vicini, ma anche dall’estero). Vogliamo continuare a dare valore alle nostre eccellenze artistiche, enogastronomiche e promuovere tutte quelle attività legate all’outdoor. A breve inizieranno i lavori alla casa comunale di Campochiesa che sarà destinata proprio a tale scopo e, inoltre, è stato bandita – anche grazie al CLT – una gara per trovare un esperto in marketing che sappia valorizzare l’immagine turistica di Albenga. Siamo attenti, inoltre, a manifestazioni ed eventi che, sebbene siano stati temporaneamente sospesi, confidiamo possano essere, almeno in parte, recuperati. “Dritti all’Isola” è già stata spostata a ottobre così come contiamo di riuscire a organizzare il Rally Storico che lo scorso anno ha avuto enorme successo. Stiamo ancora valutando, invece, possibili soluzioni per altri eventi che saranno legati alla situazione sanitaria e in particolare alle prescrizioni indicate da Stato e Regione. Importantissima inoltre la cultura e per questo voglio sottolineare il grande lavoro effettuato sulla nostra realtà museale che sarà sempre più valorizzata (ricordo ad esempio il progetto su Palazzo Peloso Cepolla che sarà ristrutturato sia all’interno che all’esterno con un intervento fatto dalla Sovrintendenza. I lavori riusciranno ad esaltare il nostro Museo internazionale di archeologia subacquea, un unicum in tutta Europa, che darà ulteriore slancio alla nostra città)».

Le conclusioni del sindaco Tomatis: «Sicuramente ci sono e ci saranno tanti altri lavori da fare e garantisco che il nostro impegno sarà sempre massimo. Sicuramente non ho ricordato tutto quello che abbiamo fatto o iniziato in questo anno particolarmente inteso, ma posso senza dubbio dire che, se in un anno come quello appena trascorso abbiamo fatto tutto ciò, i presupposti affinchè questo sia un mandato proficuo per la nostra città ci sono tutti e soprattutto grazie alla splendida squadra che siamo riusciti a creare.»