Escursionismo: sperimentazione per l’arrampicata a Castell’Ermo-Peso Grande (Imperia-Savona)

Mai: "abbiamo scelto di avviare un’attività di monitoraggio costante da eseguire proprio con la collaborazione delle associazioni sportive dedite alle arrampicate. A queste associazioni, inoltre, è nostra intenzione affidare la gestione dei percorsi”

Vendone

Genova / Savona | Al via la sperimentazione per l’arrampicata controllata presso 7 pareti nell’area protetta Castell’Ermo-Peso Grande che si trova a cavallo delle provincie di Imperia e Savona. “Ho deciso di far partire questa fase di sperimentazione in cui le attività di arrampicata potranno avvenire solo in condizioni controllate” spiega l’assessore regionale all’Escursionismo, Stefano Mai. l’assessore Mai: “Al mondo dell’escursionismo è legato un importantissimo indotto turistico che può garantire ricadute economiche sul nostro magnifico entroterra. Per questo motivo ho sempre puntato a incentivarlo”.

“Ovviamente le attività potranno riprendere solo a seguito dell’emergenza Coronavirus, in base alle disposizioni dalle autorità nazionali e locali”. “L’area di Castell’Ermo-Peso Grande è una Zona speciale di conservazione di gestione regionale, ossia un sito Natura 2000 nel quale è possibile assistere alla natura nel suo splendore. Si trova a cavallo delle provincie di Imperia e Savona e comprende i Comuni di: Aquila di Arroscia, Arnasco, Castelbianco, Nasino, Onzo, Ranzo e Vendone. Dopo un’attenta valutazione abbiamo deciso di aprire 7 nuove pareti di scalata, che per la precisione sono quelle comunemente denominate: Cineplex; Ciusa; Enoteca; Erboristeria; Famiglia; Gemma; Reunion”.

“Abbiamo scelto di aprire 7 pareti su 34 della Zsc. Si tratta di quelle che hanno un minore valore dal punto di vista della conservazione e con maggiori potenzialità per l’esercizio sportivo, ciò però ci permetterà di arrivare a classificare, monitorare, regolamentare e perimetrare le pareti rocciose dell’area protetta, in modo da favorire e gestire le attività di arrampicata”. “Quello che è bene chiarire, è il fatto che tutte queste attività puntano a una sinergia fra uomo e ambiente. Prima di aprire questa fase sperimentale, abbiamo atteso uno studio effettuato da Arpal che ci ha confermato l’importanza e il buono stato dell’avifauna in tutta l’area. Soprattutto per quanto riguarda la nidificazione dei rapaci notturni e diurni. In quest’ottica abbiamo scelto di avviare un’attività di monitoraggio costante da eseguire proprio con la collaborazione delle associazioni sportive dedite alle arrampicate. A queste associazioni, inoltre, è nostra intenzione affidare la gestione dei percorsi”.