Il Comune di Alassio lancia l’appello per la ricerca di volontari temporanei

L'invito del Comune di Alassio è rivolto “ai cittadini che hanno tempo, energie e salute per contribuire fattivamente e positivamente a superare questo momento di emergenza sanitaria nazionale, iscrivendosi come volontari temporanei in una delle due Pubbliche Assistenze cittadine che giornalmente collaborano con il Comune"

gioielli collezione offerta
Volontari Croce Rossa Alassio

Alassio | Il Comune di Alassio lancia l’appello per la ricerca di volontari temporanei “perché in questo momento di emergenza sanitaria la popolazione civile sana e attiva renda utile il proprio tempo donandolo alla Croce Rossa e alla Croce Bianca alassine”.

La Giunta Comunale alassina si riunirà domani via Skype per deliberare azioni a tutela e supporto del cittadino, ma –si legge in una nota dell’amminisrazione alassina – “crediamo sia ben chiaro a tutti che occorre prima di tutto un mutuo soccorso interno alla Comunità d’appartenenza. Stiamo vedendo come taluni si stiano dando molto da fare per sostenere il proprio prossimo: donazioni, crow founding, mascherine, spesa e farmaci a domicilio; è davvero bello vedere lo spirito solidale che anima il cuore degli alassini. Ed è per  questo che vorremmo lanciare una nuova sfida: meno chat più aiuto”.

L’invito del Comune di Alassio è rivolto “ai cittadini che hanno tempo, energie e salute per contribuire fattivamente e positivamente a superare questo momento di emergenza sanitaria nazionale, iscrivendosi come volontari temporanei in una delle due Pubbliche Assistenze cittadine che giornalmente collaborano con il Comune (Croce Bianca e Croce Rossa di Alassio) per rendersi utili ai molteplici servizi in atto, tutti con carattere di urgenza e necessità (intervento emergenze, consegna farmaci e cibo)”.

Cosa può fare il Volontario temporaneo? A seconda delle proprie disponibilità e delle esigenze del territorio si potrà partecipare alle attività di consegna dei pacchi alimentari, farmaci e beni di prima necessità alle persone vulnerabilim oppure prestare opera di informazione e assistenza presso i desk, le centrali operative, le tende e le strutture di emergenza. Anche i professionisti sanitari, medici e infermieri, psicologici clinici e psicoterapeuti possono diventare Volontari temporanei per attività specifiche a domicilio, in ambulatori e presso le strutture di emergenza.

Per aderire è sufficiente contattare la sede della Croce Bianca (info@crocebiancaalassio.it ​ Tel: +39 0182 645923) o della Croce Rossa di Alassio (https://www.cri.it/12-03-2020-covid-19-diventa-volontario-temporaneo-croce-rossa) che forniranno gli estremi o per una “classica” iscrizione o, come quanto attivato dalla CRI nazionale, per una formazione on line con una durata dai 30 ai 120 min e divisa per moduli obbligatori (sicurezza e Dispositivi di Protezione Individuale) e non obbligatori (in base all’attività).

“Si tratta, in questa fase delicata dell’emergenza, della più importante e concreta scelta personale e di servizio, che ciascuno di noi possa oggi mettere in atto. Infatti i servizi delle Pubbliche Assistenze locali che già normalmente sono preziose e basilari per una serena vita sociale oggi lo sono ogni giorno di più, insomma chattiamo di meno agiamo di più, sarà il vero modello di riscatto locale dall’emergenza Covid19. L’occasione è importante e l’Amministrazione Comunale di Alassio non smetterà mai di lodare l’impegno di queste associazioni che, unitamente alla protezione civile locale, hanno sapientemente collaborato con la Regione, Asl 2 e Comune, nelle politiche di contenimento dell’emergenza”.

UTILITÀ
Coronavirus: Far fronte allo stress durante l’epidemia di Covid-19 (e dare supporto ai bambini)
Coronavirus: cosa fare se si è costretti all’isolamento?
Numero verde regionale 800 593235 a disposizione delle persone anziane fragili per la consegna dei farmaci o della spesa a domicilio
Emergenza coronavirus: le buone norme igieniche quotidiane per la prevenzione
Coronavirus e animali d’affezione, che cosa si può fare e che cosa no
Emergenza coronavirus: cosa resta aperto e chi deve chiudere