Alassio Salute al collasso, urgente la dematerializzazione delle ricette mediche

stetoscopio

Alassio | In questi giorni si è fatto forte il grido di allarme del personale medico attivo presso gli ambulatori, gli studi dei medici di base e i centri medici letteralmente presi d’assalto. Il Comune di Alassio sta cercando di sollecitare la Regione Liguria perchè si attivi nel consentire di attivare la dematerializzazione delle ricette mediche.

“L’Asl2 savonese – ha ricordato recentemente Francesco Bogliolo responsabile di Alassio Salute – ha varato tutta una serie di misure quali l’introduzione degli accessi calmierati negli ambulatori, la chiusura del sistema di prenotazione dei Cupa (dalla quale restano ovviamente escluse le urgenze) o ancora l’interruzione dell’attività ambulatoriale, della diagnostica non d’urgenza e dell’attività intramoenia. Tutto questo al fine di ridurre il numero di accessi nelle strutture sanitarie della provincia e di limitare questi ultimi soltanto ai casi di emergenza o di coronavirus. Nei centri salute e negli studi dei medici di famiglia, invece, continuiamo a vedere affluire pazienti che chiedono la ripetizione delle ricette per le patologie croniche. Ogni giorno riceviamo per questo motivo fino a 500 pazienti”.

RobertoMichels

“Si fa tanto parlare di smart work – aggiunge Angelo Galtieri, vicesindaco di Alassio – e questo è proprio uno di quei settori in cui sarebbe vitale poterlo introdurre da subito. Per questo stiamo sollecitando l’Assessore Viale della Regione Liguria perchè si attivi immediatamente in questo senso. Anche perché il continuo afflusso di pazienti negli ambulatori costituisce un rischio non da poco per i pazienti stessi e per tutto il personale sanitario”.

La dematerializzazione delle ricette e la loro domiciliazione presso le farmacie consentirebbe di bypassare tutta la procedura di richiesta e ritiro delle ricette. Queste possono essere inviate con un semplice “click” direttamente dal terminale del medico alla farmacia indicata dal paziente eliminando completamente la necessità di incontro vis-a-vis tra paziente e medico. Al momento, però, questa possibilità è del tutto esclusa. “È urgente intervenire – ribadiscono dall’Amministrazione Comunale alassina – per evitare il collasso di Alassio Salute e di tutti gli ambulatori medici del nostro territorio. Occorre avviare in tempi rapidi e non più procrastinabili il confronto tra i sindacati dei medici di base e quello delle farmacie per avviare un protocollo operativo che possa aiutare a decongestionare i nostri primi presidi medico-sanitari”.

Ultima revisione articolo:

ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO