Decreto Genova, Pd: “il governo mantiene gli impegni e conferma le proroghe”

Genova / Roma| Il Milleproroghe, che ieri è stato licenziato con la formula salvo intese, comprende tutte e quattro le proroghe richieste per fare fronte all’emergenza genovese e ligure conseguente al crollo del ponte Morandi e aggravata dalle ondate di maltempo.

offerteibslibri

Viene confermata, elenca il Pd ligure in una nota stampa, «la proroga fino a tutto il 2020 delle 300 assunzioni a tempo determinato di Regione Comune e Partecipate con funzione di polizia locale, protezione civile e a supporto dell’emergenza, che altrimenti sarebbero scadute a fine 2019: un’operazione pari a 10 milioni di euro. Prorogato di un anno anche il personale dell’Autorità di Sistema Portuale. Confermata la proroga della cassa in deroga per 15 milioni di euro (articolo 4 ter), risorse per ammortizzatori sociali che non sono stati spesi. Lavoreremo nella conversione in legge del decreto Milleproroghe per raccogliere la proposta dei sindacati e quindi rimodulare le risorse della cassa in deroga per finanziare prioritariamente l’ area di crisi industriale non complessa della città di Genova, cioè Val Polcevera e aree portuali. Inoltre è stata assicurata la proroga della concessione alla Compagnia Portuale di Savona per 5 anni e sono state aumentate di 1 milione le risorse per il 2020, passando da 2 a 3 milioni di euro da utilizzare per le Compagnie Portuali di Genova e di Savona in caso di riduzione delle ore lavorate. Infine è stato confermata la richiesta di prorogare il finanziamento dei servizi aggiuntivi del trasporto pubblico locale previsti dal decreto Genova, servizi che per il momento sono coperti da risorse fino a febbraio (data ultime per la conversione in legge del Milleproroghe), ma che il Governo si è impegnato a estendere fino a giugno. Non ci sarà quindi nessuna interruzione dei servizi integrativi come paventato da Toti nei giorni scorsi» dicono i consiglieri del Pd.

“Esprimiamo grande soddisfazione per queste misure, ringraziamo il Ministero delle Finanze e il Ministero dei Trasporti per il lavoro svolto in favore della Liguria e che va ad aggiungersi all’investimento di 480 milioni per l’operazione ribaltamento a mare di Fincantieri a Sestri. Nonostante Toti si sia molto impegnato in questi giorni nel ruolo di profeta di sventura, le cose sono andate avanti diversamente e la realtà è ora sotto gli occhi di tutti. Tra legge di bilancio e Milleproroghe siamo di fronte a uno dei maggiori investimenti a favore di Genova e della Liguria degli ultimi tempi.» conclude la nota del Partito democratico.

Ultima revisione articolo: