Lunardon e Rossetti: “dati Istat occupazione, Liguria sempre peggio”

“Ha dell’incredibile l’esultanza della Giunta Toti rispetto ai dati Istat sull’occupazione ligure” dicono i consiglieri regionali del Pd

Pippo Rossetti

Savona / Genova | Secondo i consiglieri regionali del Pd ligure Giovanni Lunardon e Pippo Rossetti “Ha dell’incredibile l’esultanza della Giunta Toti rispetto ai dati Istat sull’occupazione ligure. La nostra regione resta il fanalino di coda del Nord Ovest: l’occupazione, nel secondo trimestre del 2019, presenta, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, una contrazione dello 0,8%, ma visto che nel trimestre precedente la diminuzione era dello 0,9 Toti e l’assessore Berrino festeggiano come se fossero di fronte a una nuovo miracolo economico. La Liguria, invece, al di là della loro narrazione, continua a dover fare i conti con una crisi durissima”.

Clicca l'offerta!

Per tutti gli ordini superiori a 60€, ricevi una pochette rosa in similpelle in omaggio - SOLO ONLINE (offerta valida fino al 14/11/2019)

“Il lavoro dipendente – proseguono i due consiglieri – diminuisce e aumentano le partite Iva, ma dentro questi numeri si annida anche molto lavoro dipendente precario. Proprio i contratti a termine sono purtroppo in forte aumento e in Liguria, per il 2018, rappresentano il 15% del totale, pari a 90 mila persone. Sempre l’anno scorso il 47% dei nuovi contratti firmati è stato a tempo determinato, mentre il primo trimestre del 2019 ha visto un crollo totale delle assunzioni (11,2% in meno se confrontate allo stesso periodo del 2018). I dati Istat segnalano inoltre un deciso aumento delle ore di cassa integrazione, addirittura dell’84% rispetto ai primi sette mesi dell’anno scorso. Insomma la Liguria di Toti è in piena stagnazione e rischia la recessione. I grandi gruppi se ne vanno, i negozi chiudono, i giovani vanno a lavorare fuori e anche i malati preferiscono farsi curare altrove, viste le lunghe liste d’attesa che ci sono nei nostri ospedali”. “

Acquista il biglietto

Sabato 14 dicembre al Teatro Chiabrera di SAVONA "Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij con il Balletto di Milano diretto da Carlo Pesta.

Un fallimento su tutta la linea. L’unica cosa su cui siamo d’accordo con Toti è il nome del suo nuovo movimento: Cambiamo. Anche noi lo diciamo con forza: cambiamo maggioranza e presidente alle prossime elezioni regionali” concludono Lunardon e Rossetti.

Vedi Istat, in lieve crescita occupazione in Liguria

Clicca l'offerta

In promozione. Tempo di decorare! Luci e decorazioni natalizie per il tuo albero e la tua casa

Ultima revisione articolo: