Modifiche alla legge regionale per il “PRIS del Polcevera”

Il Consiglio regionale di oggi ha approvato all’unanimità il disegno di legge che modifica la legge regionale 3 dicembre 2007 n.39 “Programmi regionali di interventi strategico” PRIS e la legge n.38 del 3 dicembre 2007 “Organizzazione dell’intervento regionale nel settore abitativo”.

Il provvedimento consente di superare l’emergenza conseguente al crollo di un tratto del Ponte Morandi. In questo caso il 18 agosto è stato dichiarato per Genova lo stato di emergenza e sono state studiate misure per limitare il disagio delle persone sfollate da immobili che dovranno essere demoliti. Per gestire in maniera efficace e celere le demolizioni degli immobili è stato necessario, dunque, intervenire con un “Programma regionale di intervento strategico” dedicato agli sfollati: per attivare il “PRIS del Polcevera” nelle prossime settimane è necessario, infatti, integrare la legge regionale 39 del 2007, estendendo gli strumenti già previsti per la soluzione dei problemi causati da eventi calamitosi che non sono riconducibili solo a fenomeni idraulici ed idrogeologici.

La modifica, senza oneri a carico del bilancio regionale, si pone l’obiettivo di risolvere con equità e trasparenza le necessità di riqualificare i territoriali interessati, garantendo la sostenibilità delle scelte, compensando i disagi e risolvendo le problematiche delle collettività coinvolte.

Si sono espressi a favore, prima del voto Giovanni Lunardon (Pd) e Alice Salvatore (Mov5Stelle), che ha presentato un emendamento accolto dalla giunta.