Con Nearest to the Boa Invitational Golf Tournament Il Campo da Gioco diventa Blu

Sabato 20 settembre alle ore 18 presso i Bagni Mafalda Royal di Varazze giocatori esperti di golf si cimenteranno in lanci di precisione dalla terrazza dello stabilimento balneare verso greens disposti a diverse distanze nello specchio d’acqua antistante. I giocatori si sfideranno utilizzando speciali palline galleggianti, in seguito recuperate in mare da parte dell’equipe dell’evento. Nearest to the Boa, che ha anche ottenuto il patrocinio del Comune di Varazze, è l’evento nell’evento.
Fa parte, infatti, di un “golf week end” (20-21 settembre) per giocatori esperti e neofiti con 27 buche sui green + 1 in mare organizzato dall’Hotel de Charme Astigiana. Un programma esclusivo, quindi, che inizia il Sabato 20 con una gara a coppie presso la Filanda Golf di Albisola; a seguire alle ore 15 presso i Bagni Mafalda Royal il maestro Nicola Bottaro terrà lezioni di golf, completamente gratuite per i turisti e i residenti di Varazze, alle ore 18 Nearest to the Boa, per poi concludere la giornata con una cena di gala presso l’Hotel Astigiana. Il week end vedrà i giocatori sfidarsi anche la domenica seguente in una gara individuale presso il Golf St. Anna, in una gara 18 buche individuali stableford 3 categorie. La gara prevede esclusivi premi in ceramica realizzati da un’artista Albisolese.
All’interno di questa due giorni di Golf, i tre giovani organizzatori, Bettina Bolla, Elisa Bribò ed Alberto Agnese hanno deciso, di far diventare  Nearest to the Boa l’evento più importante, la prima di una lunga serie di edizioni. “Ci auguriamo che Nearest to the Boa sia destinato a sottolineare sempre di più la valenza del golf come sport per attirare un turismo di qualità. Argomento che del resto è stato al centro di tavole rotonde che hanno visto confrontarsi esperti del settore sullo studio presentato in anteprima dall’Isnart in collaborazione con Imc Group circa l’economia generata dal golf.
 Ci auguriamo che Varazze, pur non avendo campi dal Golf, ma essendo all’interno di quello che abbiamo chiamato il triangolo del golf, possa trovare in questo nuovo target un mezzo per avere un turismo di qualità, quello che da sempre merita. Infatti, ricordiamolo, in 10 minuti di auto si raggiunge la Filanda Golf club (Albisola), il Golf della Pineta di Arenzano (Arenzano) e St. Anna (Cogoleto) per un totale di 36 buche giocabili tutto l’anno e con una buona varietà che asseconda le esigenze sia dei principianti che dei giocatori più avanzati”.
“Inoltre ci sono ben 7 campi nell’arco di 70 km e 17 in 130 km. Occasione unica per i golfisti delle grandi città del Nord Italia, del basso Piemonte e della Svizzera, dove i giocatori non possono praticare il golf per svariati mesi dell’anno a causa del clima non favorevole. L’associazione Donnedamare, per l’impresa balneare, si occuperà di raccogliere fondi a scopo benefico i cui beneficiari saranno resi noti in un secondo tempo e,  poiché, ha come scopo principale nel proprio statuto quello di tutelare e valorizzare la natura e l’ambiente marino costiero, promuovendo la conservazione, manutenzione, difesa e valorizzazione delle risorse marine e delle biodiversità, ha curato l’aspetto ecosostenibile dell’evento. D’altra parte, anche l’Hotel Astigiana, attraverso un ampio sistema di pannelli solari e i Bagni Mafalda Royal, attraverso il finanziamento di progetti che salvaguardano l’ambiente costiero (barriere suffolte), attraverso il legame col territorio che diventa conoscenza e capacità di racconto, riflettono l’animo bio di chi li gestisce. Abbiamo deciso di difendere l’ambiente a partire  dalle palline da Golf, che hanno una particolarità, quella di galleggiare per poi essere ripescate una ad una dalla nostra equipe. Inoltre tutto il materiale che servirà per delimitare le zone di gara in mare sarà riciclato, i corridoi ottenuti attraverso bottiglie di plastica, tenute insieme da reti dei pescatori e da reti da ulivi che ci sono state messe a disposizione dai produttori locali”.

RobertoMichels

Ultima revisione articolo: