Sport: dedicato ai valori della Resistenza il 75° giro dell’Appennino

“Il 75° giro dell’Appennino sarà un’edizione spettacolare e assolutamente Matteo Rossievocativa, dedicata ai valori della Resistenza”. Lo ha detto l’assessore regionale allo Sport Matteo Rossi nel corso della conferenza stampa di presentazione della corsa ciclistica nel salone di rappresentanza del Comune a Genova.

“Quest’anno – ha ricordato Rossi – a settant’anni dall’eccidio della Benedicta, il percorso del Giro dell’Appennino si intreccia con i luoghi e i simboli della Resistenza, lungo un tracciato avvincente dal punto di vista tecnico e agonistico in grado però di rievocare molti episodi della lotta partigiana avvenuti in quel territorio e ricordandoci al contempo quanto Genova e il suo entroterra abbiano fatto per difendere la nostra democrazia”.

“Sport e tradizioni si uniscono – ha aggiunto Rossi – e grazie al ciclismo offrono ancora una volta una vetrina scenografica per la città di Genova e la Liguria. Il ciclismo, e gli sport outdoor in generale, rappresentano al meglio tutte le opportunità che grandi manifestazioni sportive sono in grado di generare sul territorio, prime fra tutte le ricadute sul fronte della promozione turistica”.

Nel corso della conferenza stampa l’assessore ha inoltre puntato l’attenzione sui “grandi campioni che si sono affrontati testa a testa sulla Bocchetta, così come sul Passo del Turchino, caratterizzando la nostra regione come una terra di grandi pedalate, per sport ma anche per divertimento, a tutto vantaggio della destagionalizzazione delle vacanze e dell’economia locale”.