Dopo sessant’anni la Targa d’oro Città di Alassio torna in Francia (fotogallery)

Dopo sessant’anni la Targa d’oro Città di Alassio torna in Francia. 1 Alassio - finalisti_schieratiL’edizione 2014, la 61esima della serie, si è conclusa ieri al Palaravizza, gremito di pubblico, con il (meritato) trionfo del St. Vulbas di Laurent Touraine, Thierry Dubuis, Sebastien Mourgues e Patrice Besson, i quali in finale hanno prevalso 13-5 sui sorprendenti torinesi del Pontemasino, vale a dire Sergio Balma, Michele Gianaro, Oscar Belliero e Carlo Brignolo. Solo nel 1954, in occasione della prima edizione, era stata una compagine tutta transalpina, targata Rbr Nizza, ad aggiudicarsi la kermesse (allora solo ad inviti). In realtà due anni fa a fregiarsi del titolo erano riusciti i francesi La Posta e Grail, ma si erano presentati con maglia lussemburghese del Kayl Nutella Team. Dodici mesi fa sul gradino più alto era salito l’Auxilium Saluzzo.

Un po’ di Liguria al terzo posto grazie ad Emanuele Bruzzone, Luca Cicchero e Paolo Ballabene, che con Giacomo Vernazza hanno difeso i colori della Brb Ivrea (13-0 il pesante k.o. in semifinale dal St. Vulbas). Terza posizione anche per il Rosta di Mario Suini, Luca Scassa, Lorenzo Brero e Davide Manolino. A livello di società liguri, la migliore è stata la Rapallese (Ballabene, Fassone, Noceti, Mercandino), nona. Nessun team savonese nelle prime 32 posizioni.

L’edizione 2014 passerà però alla storia non solo per il ritorno al successo di quattro atleti transalpini, ma anche per la “prima volta” della Targa d’oro Junior Nutella Cup, gara Under 18 la cui fase finale si è disputata in contemporanea con la competizione senior. I protagonisti hanno dimostrato un’inattesa bravura, meritandosi a più riprese gli applausi degli spettatori. Primi ad entrare nell’albo d’oro (considerato il successo, l’iniziativa sicuramente continuerà) sono Marco Pizzol (classe 1998) e Giulio Zanette (1999) della Florida Treviso, che con una strepitosa rimonta hanno superato 13-11 il duo del Bra composto da Anes Alekic (1999) ed il bravissimo Emanuele Soggetti, 14 anni e classe da vendere. Al terzo posto una coppia di ragazze, Gaia Falconieri e Chiara Bordone (Carmagnola), a pari merito con Matteo Mele e Adriano Bellafronte della Chiavarese.

Per il secondo anno di fila, apprezzata madrina della manifestazione è stata Beatrice Bertolino, Miss Muretto 2012, la quale ha anche lanciato i due pallini di apertura delle due finali.

Oltre che per il gran finale di domenica al Palaravizza, tantissimi appassionati hanno seguito la gara nel corso dell’intero weekend. Promossa a pieni voti la location dell’Istituto Don Bosco, dove nonostante la pioggia di venerdì, si è giocato senza problemi per l’intea giornata di sabato su 16 campi, e la “concentrazione” di incontri del sabato sera in tre impianti (Palalassio, sul cui parquet quest’anno sono state montate sei corsie, Palasport Albenga e Bocciodromo Loano), tutti affollati di pubblico e ribollenti di entusiasmo. Migliaia sono stati i contatti sul web per la diretta streaming (con più telecamere e commento tecnico) di Bocceinvolo.it, il portale specializzato grazie al quale la Targa d’oro è stata seguita da 5.600 utenti (il picco alle 17 di domenica), anche in Francia, Slovenia, Inghilterra e Belgio. Oltre 12.000 accessi da inizio mese sul sito ufficiale della gara, www.boccealassio, sul quale sarà a breve disponibile anche una ricca fotogallery.

In totale i partecipanti alla due giorni, per la settima volta inserita nel calendario internazionale, sono stati 1.344 (336 quadrette, di cui dieci straniere e quelle italiane in rappresentanza di 21 comitati territoriali) per quanto riguarda la gara senior e 32 nel tabellone giovanile. Numeri che hanno portato importanti ritorni anche al comprato turistico.

A consegnare i numerosi e graditi riconoscimenti, insieme alla bellissima Beatrice Bertolino, sono stati il sindaco Enzo Canepa, il rappresentante della Federazione Internazionale Mario Occelli (che ha portato il saluto del presidente della Federazione Internazionale Lacoste e del presidente della Confederazione Mondiale e della Federazione Italiana Romolo Rizzoli), il presidente regionale della Federbocce Mauro Traverso, il presidente del comitato Fib di Albenga Ginetto Pastorelli e la vice Franca Catania, il consigliere d’amministrazione della Fondazione De Mari Carisa Gian Piero Salati, l’amministratore della Gesco Mimmo Giraldi ed Ezio Sardo, presidente della Bocciofila Alassina e del Comitato Organizzatore. E dopo la premiazione, l’ormai tradizionale torta della Targa d’oro, per festeggiare, tra la soddisfazione di tutto lo staff, la perfetta riuscita dell’evento.

Dopo gli inni che hanno “lanciato” la sfida tra Italia e Francia e prima della finale un ricordo della Targa d’oro è stato consegnato anche a Serena Traversa, giovanissima atleta dell’Auxilium Saluzzo, che di recente a Carcare ha realizzato il nuovo primato mondiale Under 18 femminile nel tiro di precisione, con 26 punti. Serena ha partecipato alla gara con una quadretta, quella della Ferriera Pinerolo, tutta al femminile. Completamente in rosa anche altre due formazioni iscritte alla gara senior, quella della Florida Treviso e quella della Centallese. Nella serata di sabato alle signore di Ferriera e Florida è stato consegnato un ricordo della due giorni alassina. In questa cerimonia sono stati coinvolti anche il vicepresidente della Fib ligure Dino Righetti ed il campionissimo Lino Bruzzone, sette volte vincitore della gara. A seguire la prima giornata è stata anche Gianfranco Bianco, dirigente della Federazione Internazionale.