Carlin’s Boys ha fatto un sol boccone dei bianco- rossi della Carcarese

di Sergio Bagnoli – Ieri pomeriggio, inizio fissato alle ore quindici grazie fischietto 00all’ora in più di illuminazione naturale che queste giornate di tardo inverno offrono, sul campo di Pian di Poma a Sanremo, i padroni di casa della Carlin’s Boys hanno letteralmente strapazzato una delle ” nobili decadute ” del calcio dilettantistico ligure: la Carcarese che, con trascorsi pure in categorie più nobili, attualmente sta disperatamente lottando nel girone “A” di Promozione per non retrocedere in Prima Categoria. Cinque ad uno per i nerazzurri il risultato finale, che con questo risultato consolidano sempre più il proprio quinto posto in graduatoria che permette l’accesso ai play- off promozione.

È stata nonostante il grande divario tecnico esistente oggi tra le due compagini, almeno una categoria le differenzia, un match divertente. Pronti, via, dunque, e subito i “Carlini” si trovano, grazie ad uno scatenato Atragene, in vantaggio. Al tredicesimo del primo tempo lo stesso giocatore neroazzurro, veramente scatenato, potrebbe raddoppiare ma questa volta è l’incrocio dei pali a negargli la gioia della doppietta. Un quarto d’ora più tardi è invece Stamilla, numero dieci “Carlino” di testa a colpire la traversa. E’ però la Carcarese al trentunesimo del primo tempo ad avere la più classica delle occasioni per pareggiare: il terzino di casa Alberti stende nella propria area il giocatore ospite Schettini e quindi il direttore di gara concede ai bianco- rossi ospiti la massima punizione. S’incarica della battuta Lorenzon che però si fa parare il rigore da Farsoni, estremo difensore della squadra di casa, molto lesto pure a deviare in angolo la ribattuta. Sugli sviluppi del corner Lorenzon ci riprova ma ancora una volta il portiere “Carlino” si oppone con successo.

Poco dopo di nuovo il neroazzurro Stamilla si vede negare la gioia del gol dalla traversa. Il raddoppio dei matuziani però è nell’aria ed al trentottesimo Atragene è abile a conquistarsi una punizione dal limite dell’area carcarese: magistrale la battuta di Mirco Antonelli che si insacca nella rete ospite. Il primo tempo termina con il risultato di due a zero a favore della Carlin’s Boys. Nella ripresa la musica non cambia: i neroazzurrri controllano il gioco e la formazione ospite non riesce a concretizzare nulla di seriamente rilevante. L’allenatore Luci opera alcuni cambi ed entrano sul rettangolo di gioco prima Raguseo e poi Scalzi che si rivelerà il vero match- winner della partita. Scalzi ha solamente diciassette anni ancora da compiere: è dunque più di una promessa del calcio matuziano.

A poco dall’inizio della ripresa, infatti, Atragene, vera e propria spina nel fianco dei valbormidesi, ha dovuto, per infortunio, abbandonare il campo. Poi è stato Stamilla a vedersi neutralizzare la conclusione dal portiere savonese Allario, rimasto a sua volta a terra nel corso della mischia immediatamente scaturita dopo. Infine, al termine di una grande azione condotta dal giovane Filippo Scalzi con la sponda di Espinal e l’assist di Stamilla, il primo pregevolmente superava il numero uno bianco-rosso e portava la squadra di casa sul tre a zero. Dopo pochi minuti il numero cinque valbormidese, al termine di un’elaborata azione segnava riducendo così di un gol lo scarto.

Poco male: la Carlin’s ha reagito dapprima colpendo nuovamente il palo della porta ospite con Raguseo e, poi, quadruplicando sempre con il giovane di grandi speranze Filippo Scalzi che ha pregevolmente duettato con il neo- entrato Iezzi, il veterano della squadra. Praticamente la partita è finita qua, c’è stato comunque al novantesimo ancora il tempo per la quinta rete della Carlin’s siglata proprio da Iezzi, ed il triplice fischio finale dell’arbitro non ha sancito altro che l’ottima forma di una squadra benissimo attrezzata per accedere a fine stagione alla categoria superiore: l’Eccellenza.