Pallapugno a Savona: ieri, oggi e domani… (foto)

Nella Sala Consiliare del Comune di Savona oggi convegno, organizzato dal pallapugno 1 Savona 7-2-2014Comitato Provinciale di Savona della Federazione Italiana Pallapugno, dal titolo: “Pallapugno a Savona: ieri, oggi e domani”. Nel corso della riunione sono stati trattati i temi riguardanti la possibilità di costruire anche nella città della Torretta uno sferisterio idoneo per poter disputare i vari campionati federali.

A Savona sono due le società affiliate alla Federazione Italiana Pallapugno: Spes Savona, che partecipa al campionato di serie C2 oltre ai campionati giovanili e, la Fortezza Savona impegnata anch’essa nel settore giovanile puro. Questa società, nel 2013, si è resa protagonista vincendo nella categoria pulcini la Coppa Italia e il campionato nazionale.

Nell’arco della manifestazione hanno portato il loro contributo il presidente del Comitato Provinciale Fipap Savona Roberto Pizzorno, l’Assessore allo Sport del Comune di Savona Luca Martino, l’Assessore Regionale allo Sport Matteo Rossi, l’Assessore allo Sport della Provincia di Savona Sara Foscolo, il Vice presidente federale della Fipap Carlo Scrivano, Giampiero Rossi, Presidente del Comitato Regionale Fipap Liguria, Ottorino Bianchi, Delegato Provinciale del Coni di Savona e Lelio Speranza, Presidente Emerito del Coni di Savona che ha avuto l’onore di concludere il convegno.

Molto interessanti sono stati gli interventi di Daniele Bertolotto, segretario provinciale del Comitato Fipap Savona, Fabrizio Sottimano, architetto e responsabile del settore impianti del Comitato Provinciale Fipap Savona, e Walter Beretta, decano dei tecnici della pallapugno che ha ricordato quando Savona aveva uno sferisterio e si giocava nella piazza dove ora è sorto il centro commerciale Il Gabbiano.

Durante il convegno, sono stati premiati personaggi del mondo pallonistico locale e nazionale e sono stati consegnati riconoscimenti alle squadre giovanili della Fortezza Savona, Spes Savona, Pontinvrea e Don Dagnino Andora che si sono messe in evidenza nella stagione 2013. Alla professoressa Licia Giorello, da anni impegnata nel sociale, è andato il premio Senatore Ruffino; a Vincenzo Navoni, storico dirigente della Bormidese, il premio “Una vita per la pallapugno”; a Riccardo Aicardi, quattro volte campione d’Italia di serie A, è stato consegnato il premio Giuseppe Cassini, mentre Massimo Vacchetto, campione d’Italia di serie A 2012 ha ricevuto il “Premio al Campione”.

E poi ancora a Giampiero Rossi è stato consegnato il premio Francesco Dezani per l’impegno profuso in questi anni in favore della pallapugno; Luca Salvini, anima della rinascita della Rialtese, ha ricevuto il premio Bertone-Buschiazzo; Andrea Bronda, di Vendone, ha ritirato il premio Elio Vio per il grande lavoro in favore dei giovani. A Lelio Speranza il premio Nazionale Amico dello Sport; all’arbitro Salvatore Nasca il Fischietto del balon-Premio Marello. Infine, Monica Bertolino, direttore responsabile di “A tutto pallone”, la rivista della pallapugno, ha ricevuto il premio “Comunicatore del Balon”. Riconoscimenti anche alle società “La Fortezza Savona”, vincitrice della Coppa Italia e Campionato Pulcini, “Pontinvrea”, “Spes Savona” e “Don Dagnino”.