Teatro Pubblico Ligure: “Aiace” di Sofocle con la regia di Sergio Maifredi

Finale Ligure - Fortezza di Castelfranco

La 2ª edizione di “Castelfranco Estate. Teatro e musica in Fortezza” domenica 17 luglio 2022 alle 21.30 nella Fortezza di Castelfranco di Finale Ligure, in provincia di Savona, ospita la nuova produzione di Teatro Pubblico Ligure: “Aiace” di Sofocle con la regia di Sergio Maifredi. Una tragedia di armi, onore e memoria, che ha debuttato in prima nazionale lo scorso giugno alla 75ª Estate Fiesolana, ed è prodotta da STAR Sistemi Teatri Antichi Romani e Teatro Pubblico Ligure. Questa volta è l’edificio monumentale che domina la città a fare da sfondo alla storia di Achille, Aiace e Odisseo, tre uomini uniti dal destino della guerra. La fine dell’età eroica cede il passo alla logica del compromesso, quindi della politica. Le armi di Achille, secondo le regole d’onore della guerra, dovevano andare al più valoroso tra gli Achei, Aiace. Ma a ottenerle, grazie alla sua abilità retorica, è Ulisse. L’ingiustizia conduce a pensieri di vendetta, trasformati presto in azione. La messa in scena si avvale della traduzione di Maria Grazia Ciani, già docente di Storia della tradizione classica all’Università di Padova, e della consulenza letteraria di Giorgio Ieranò, professore ordinario di Letteratura greca all’Università di Trento.

Pubblicità

Tutti i personaggi sono interpretati da Corrado d’Elia, Alberto Giusta, Andrea Nicolini e Marco Rivolta, con la regia di Sergio Maifredi. Le musiche originali di Mario Incudine sono eseguite dal vivo da Giorgio Rizzo, e sono il frutto di una specifica ricerca filologica. Gli strumenti utilizzati per “Aiace” sono un tentativo di connessione con la tradizione delle tragedie greche. In Medio Oriente il concetto di ritmo non è scansione del tempo ma oscillazione emotiva del testo che accompagna i movimenti e le frasi. La doholla è il primo strumento che apre lo spettacolo, uno strumento di origine turca che viene suonato con la tecnica percussiva, un omaggio alla tradizione rafforzato dal dato geografico di Aiace che impazzisce a Troia, nell’attuale Turchia. In alcuni dialoghi l’utilizzo del tamburo a cornice è anch’esso espresso con la tecnica tradizionale del Mar Caspio, dove il tamburo a cornice viene suonato con la tecnica sciamanica, in cui alla pulsazione ritmica si aggiungono la risonanza dell’armonico e la vibrazione a nota fissa. Infine viene utilizzato il flauto nay, lo stesso raffigurato nei dipinti greci, flauto che nella sua storia non ha subito mai modifiche.

La Fortezza di Castelfranco a Finale Liguire torna a ospitare esibizioni dal vivo e rinnova così l’appuntamento con STAR – Sistema Teatri Antichi Romani, la rassegna regionale di “Parole antiche per pensieri nuovi” attraverso la quale Teatro Pubblico Ligure offre preziose occasioni d’incontro tra siti archeologici e monumentali restituiti a un ampio uso e alla fruizione pubblica, grazie all’attività culturale e al teatro. Oltre alla Fortezza di Castelfranco, fanno parte di STAR il Teatro Romano di Ventimiglia nell’Area Archeologica di Nervia con il II”Albintimilium Theatrum fEst”, l’anfiteatro di Luni con il “Portus Lunae Art Festival” arrivato alla VII edizione e la Fortezza Firmafede di Sarzana in Liguria, il Teatro Romano di Fiesole con la 75ª Estate Fiesolana, il Teatro Romano di Carsulae a Terni, il Teatro Romano di Ferento a Viterbo in Italia.

Pubblicità