ASL 2: si arricchisce ulterriormente la rete Ospedale – Territorio

Percorso innovativo per le persone portatrici di stomia e con disfunzioni del pavimento pelvico.

In Italia oggigiorno circa 75.000 soggetti sono portatori di entero e /o urostomia,  numero che, nell’arco degli anni, è destinato a crescere.

Le persone con stomia convivono con una condizione cronica che determina effetti rilevanti sul piano fisico, psicologico e sociale con conseguente peggioramento della qualità di vita, ragione per cui vanno accompagnate lungo un percorso ben definito che le aiuti a sviluppare abilità tecnico-pratiche senza trascurare gli aspetti emotivo-psicologici, legati al cambiamento del proprio corpo e alla difficile accettazione della nuova immagine di sé.

In tal senso il contributo che l’infermiere, con competenze avanzate, può fornire è fondamentale ed è caratterizzato da assistenza e cure, coordinate e personalizzate, con l’obiettivo di soddisfare bisogni specifici della persona e del proprio nucleo familiare.

L’ASL 2 ha attivo ormai da diversi anni un sistema di presa in carico, precedentemente solo ospedaliero, e adesso con un’offerta di tipo domiciliare e ambulatoriale, a cui afferiscono 500 soggetti su tutta la provincia di Savona.

In Azienda sono presenti 5 infermieri, esperti in tale ambito, che erogano interventi in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e Specialisti, Infermieri e Fisioterapisti Territoriali e Ospedalieri con il fine di garantire un collegamento Ospedale – Territorio, con particolare riguardo alla continuità di cure.

L’attività è caratterizzata da una presa in carico precoce, pianificazione e attuazione di un programma educativo personalizzato in grado di generare nella persona conoscenze inerenti la cura dello stoma, stili di vita sani, igiene e l’uso appropriato dei presidi.

Le valutazioni successive mirano a rafforzare le abilità di gestione dei singoli, intercettare prematuramente eventuali complicanze e a creare alleanza tra professionisti e assistiti.

Il Direttore Generale dott. Marco Prioli commenta “il servizio per le persone portatrici di stomia e con disfunzioni del pavimento pelvico rappresenta un’eccellenza della nostra Azienda e permette di garantire una corretta educazione all’uso dei presidi già a domicilio favorendo realmente una presa in carico dei pazienti a casa propria”.

Il Direttore Socio Sanitario dott.ssa Monica Cirone rimarca l’importanza di potenziare la rete territoriale e di garantire al cittadino un servizio così importante come quello della gestione delle stomie e delle disfunzioni del pavimento pelvico, rappresentando come un altro passo è stato fatto per avvicinare l’assistenza al domicilio.

Il Direttore Sanitario dott. Luca Garra aggiunge “Quello che spaventa maggiormente i pazienti portatori di stomia è ovviamente la vita post intervento, avere in Asl 2 un equipe multiprofessionale con elevatissime competenze è motivo di orgoglio aziendale e soprattutto un rilevante aiuto psico fisico per i pazienti ed i loro caregiver che con tale problematica dovranno purtroppo convivere”.

operatori
Nella foto: alcuni operatori e responsabili del servizio