Consiglio Regione Liguria: la Relazione del difensore civico

Francesco Lalla

Il Consiglio regionale ha preso atto all’unanimità la relazione del Difensore civico di Regione Liguria per l’attività svolta nel 2020. L’emergenza pandemica del 2020 ha messo in risalto le fragilità del sistema della pubblica amministrazione e la necessità di un maggiore ascolto dei cittadini reso talvolta più complesso dallo smart working. L’ufficio regionale del Difensore civico intende, dunque, ridurre i silenzi amministrativi, incalzare enti o aziende fornitrici di servizi pubblici che rispondono tardivamente agli utenti, fornire risposte certe ai cittadini sui loro problemi che sono, invece, concreti.

Nel 2020 l’attività della Difesa Civica Regionale, ha subito ostacoli e rallentamenti per le misure restrittive imposte dalle autorità statali e locali alla vita in genere ed in particolare ai movimenti dei cittadini per contrastare la pandemia costringendo, fra l’altro, alla rinuncia temporanea alla copertura delle quattro sedi distaccate (Arenzano, Chiavari, Sarzana e Savona). Nonostante questo, le pratiche trattate e fascicolate sono state 392, non molto inferiori alle 431 dell’anno precedente, che si sono aggiunte alle 125 pendenti degli anni precedenti. Ne sono state definite, in generale con esito positivo spesso sottolineato dai ringraziamenti di 210 utenti. Le materie che hanno maggiormente impegnato l’Ufficio sono state l’edilizia economica e popolare (con frequentissimi contatti con ARTE, l’Agenzia Regionale che gestisce il settore), i servizi pubblici di erogazione di luce, gas e acqua, la sanità, la previdenza e assistenza, ed infine l’accesso agli atti. I contatti con ARTE hanno riguardato soprattutto la tutela di cittadini con rilevante morosità (oppure richiedenti un cambio alloggio per far fronte a nuove esigenze famigliari oppure ancora interventi di manutenzione indifferibili).

È stata, inoltre, seguita, con interventi mirati, la complessa operazione di dismissione di 400 alloggi di Begato, da demolire per volontà della P.A. genovese, completata in assoluta regolarità e tranquillità (cosa per nulla scontata e di cui va dato merito ai dirigenti ed agli esecutori di ARTE). Quanto alla erogazione dei servizi pubblici fondamentali di luce, gas e acqua, è stato necessario intervenire più volte per garantire i diritti degli utenti su vari aspetti del rapporto di concessione (correttezza delle bollette, conguagli, irregolari disattivazioni, ritardi di intervento); sulla sanità hanno assunto rilievo maggiore richieste ad aziende sanitarie o aziende ospedaliere su criticità segnalate soprattutto da associazioni: cito per tutti il problema dell’incremento di posti per dializzati nel maggiore ospedale genovese; il trasferimento fuori Genova malati oncologici in terapia radiologica; la rilevata e perdurante carenza di psichiatri nella ASL 1; il ripristino del Centro trapianti al policlinico San Martino; perdura la difficoltà dei Comuni, specie dei più piccoli, a far fronte al loro obbligo di versamento di una quota degli oneri di urbanizzazione a favore delle Curie, difficoltà che, a parere di questo Difensore, dovrà essere seriamente esaminata dall’ANCI e dalle autorità regionali nell’ottica, credo, di una modifica legislativa. Relativamente all’accesso agli atti nel 2020 sono stati trattati una ventina di casi, con netta prevalenza per l’accesso documentale ex legge 241/90.

Le difficoltà causate dalla pandemia, comportanti sospensione e slittamento dei termini delle relative procedure, hanno accentuato un’attività per risolvere varie situazioni in modo informale, con contatti soprattutto telefonici con le amministrazioni interessate. Le Commissioni Miste Conciliative, presiedute dal Difensore Civico, che si occupano di casi di cosiddetta “malasanità”, nate per dare voce soprattutto alle Associazioni di volontariato e di tutela del malato, non sono state mai convocate nel corso del 2020 per evitare la riunione di più persone, inibita per le regole anti-COVID emanate da autorità centrali e periferiche. Si è fatta eccezione per una unica seduta della Commissione della ASL 3 in cui dovevano essere trattati più casi con una certa urgenza: essa si è svolta in tutta sicurezza in un amplissimo locale del Centro della Salute di Quarto.

Nella relazione sono sottolineate le difficoltà di dialogo con le pubbliche amministrazioni, legate anche al complesso meccanismo burocratico. Le lunghe attese telefoniche ai call center, la complessità degli adempimenti on line, percorsi sanitari non sempre adeguati ai livelli di assistenza, di attese per le visite specialistiche, di dinieghi immotivati all’accesso agli atti amministrativi, di provvidenze a favore di cittadini – quali affitti agevolati e buoni spesa – intrappolate nei meandri amministrativi, di percorsi per non vedenti con vere e proprie barriere architettoniche. E poi c’è una popolazione di cittadini che non ha dimestichezza con gli strumenti informatici e che cerca supporto ed aiuto per i crescenti adempimenti telematici, oggi sempre più di ieri, necessari con l’emergenza pandemica in questo nuovo mondo più digitale, con problemi però sempre più reali e concreti. La Pubblica Amministrazione deve continuare ad essere vicina ai cittadini anche in modalità remota.

Francesco Lalla è stato eletto Difensore civico della Regione Liguria nel gennaio 2011 ed è stato successivamente prorogato dopo la naturale scadenza, avvenuta 5 anni dopo.

Lilli Lauro (Cambiamo con Toti presidente), presidente della I Commissioni- Affari Generali Istituzionali e Bilancio, ha ringraziato il difensore civico Francesco Lalla per il lavoro svolto e ha illustrato i passi più importanti della relazione sottolineando le funzioni dell’Ufficio e la gratuità del servizio. Lauro ha sottolineato la tempestività e la completezza delle consulenze e delle decisioni assunte dal Difensore civico e ha illustrato in aula un bilancio completo sul lavoro svolto da Francesco Lalla, che è giunto al termine del suo mandato.

Gianni Pastorino (Linea Condivisa) ha condiviso il giudizio positivo di Lauro rispetto al lavoro svolto dal Difensore civico e si è augurato che anche il suo successore assuma il ruolo con lo stesso equilibrio.

Luca Garibaldi (Pd-Articolo Uno) ha sottolineato l’importanza della figura del difensore civico nel momento complicato dell’emergenza sanitaria e ha auspicato che anche il suo successore dimostri la stessa efficienza e le stesse capacità.

Claudio Muzio (FI-Liguria Popolare) ha auspicato che il ruolo del difensore civico sia ulteriormente valorizzato e ha annunciato la presentazione di una proposta di legge che prevede l’istituzione del Garante degli anziani.

Ferruccio Sansa (Lista Ferruccio Sansa Presidente) si è unito ai ringraziamenti dei colleghi per il lavoro svolto da Lalla e ha sottolineato la necessità che anche il prossimo difensore civico sia una figura indipendentemente da schieramenti politici.

Stefano Balleari (FdI) ha ringraziato Francesco Lalla per il lavoro svolto e ha condiviso la necessità di fare un percorso per individuare un successore con altrettante qualità professionali e non emanazione di schieramenti politici.

Fabio Tosi (Mov5Stelle) ha sottolineato le capacità umane di Francesco Lalla e la sua capacità di essere al servizio del cittadino e super partes nell’interesse dei liguri

Enrico Ioculano (Pd- Articolo Uno) ne ha sottolineato il ruolo anche come Garante per i diritti dell’infanmia e dell’adolescenza.

Domenico Cianci (Cambiamo con Toti presidente) ha auspicato che il suo successore abbia la stessa autorevolezza, capacità e indipendenza.


SU IBS SONO TORNATI I SALDI D'ESTATE!
Migliaia di prodotti in offerta! Centinaia di proposte per la casa, libri, film, musica, giochi, elettronica e hi-tech con sconto fino a -60%