Ceriale, revoca del divieto di balneazione nel tratto a ponente

Analisi Arpal ok, il sindaco Romano ha firmato la nuova ordinanza

È stato revocato il divieto di balneazione a Ceriale nella zona di circa 1,5 km compresa tra la spiaggia libera attrezzata “Acque Basse” e lo stabilimento balneare “Tempo d’Estate”. Questa mattina, dopo aver ricevuto i risultati delle analisi dell’Arpal sui nuovi prelevamenti e campioni, il sindaco Luigi Romano ha firmato l’ordinanza che attesta la balneabilità del tratto di mare situata nella parte più a ponente della cittadina rivierasca, che era stato interessato da una precedente ordinanza di stop alla balneazione a seguito di un problema alla condotta fognaria, uno sversamento nel rio Largo.

“L’inquinamento era stato causato da un intasamento della tubazione, tuttavia il divieto ha avuto solo uno scopo precauzionale in quanto, su indicazione dell’amministrazione comunale, gli operatori della Servizi Ambientali avevano prontamente riparato il guasto e risolto il problema, che è stato di lieve entità” afferma il sindaco Luigi Romano. “Fortunatamente si è trattato di una piccola fascia di litorale, senza particolari conseguenze” aggiunge. “Le acque erano già balneabili, ma abbiamo dovuto attendere il riscontro definitivo di Arpal prima di ripristinare la possibilità di fare il bagno in mare nel tratto in questione”.

“Ceriale è Bandiera Blu ed è sempre stata apprezzata per la qualità e pulizia delle sue acque e del suo mare, pronto ad attendere turisti e ospiti per questa estate 2021”. “Anche per questo ho chiesto alla Servizi Ambientali un accurato controllo e monitoraggio delle condotte e delle tubazioni sul nostro territorio, di loro competenza, per evitare altri possibili intasamenti e quindi criticità per la stagione estiva” conclude il sindaco cerialese.