TPL Linea: prove tecniche di mobilità sostenibile

bus elettrico

Nonostante la pandemia e le sue gravi conseguenze per la mobilità e il settore dei trasporti “TPL Linea guarda con decisione al futuro e ai mezzi ad alimentazione elettrica”. In questi giorni l’azienda di trasporto savonese ha svolto alcune prove tecniche grazie all’arrivo di un nuovo modello: l’E60 elettrico, che rientra nella gamma degli autobus elettrici “Rampini” insieme all’E80, già attivi in diverse realtà europee.

L’E60, progettato per la trazione elettrica, è un vero autobus urbano da 6 metri, a pianale ribassato e posto per disabile, piccolo fuori e grande dentro, costruito per girare a zero emissioni nelle strade più strette dei centri storici. L’E60 elettrico ha la possibilità di portare fino a 35 passeggeri disponendo di una grande maneggevolezza e un’ottima autonomia. Tutto il sistema di trazione elettrica, che utilizza celle litio ferrite, è interamente studiato e realizzato dalla Rampini insieme con il controllo delle batterie; anche il monitoraggio delle singole celle è affidato a un sofisticato sistema di gestione (BMS).

Dal deposito savonese di TPL Linea il mezzo ha svolto un percorso che ha toccato la Torretta, piazza Mameli, piazza Aldo Moro – stazione FS – e piazza Saffi, ovvero un contesto urbano cittadino nel quale il bus elettrico trova la sua naturale vocazione. “La nostra azienda è in prima linea per la progettazione della nuova mobilità sostenibile per il trasporto pubblico locale nel savonese, sia per un rinnovo del parco mezzi quanto alle nuove linee ad alimentazione elettrica secondo il progetto presentato assieme al Comune di Savona al Mit sull’asse Vado Ligure – Varazze” affermano il presidente di TPL Linea Simona Sacone e il direttore generale Giovanni Ferrari Barusso.

“Avere a disposizione questo nuovo modello di bus elettrico è un primo importante step per guardare al futuro del trasporto pubblico locale: sono state realizzate prove tecniche per capire la sua guidabilità e autonomia”.

“Questa fase di sperimentazione consentirà di toccare con mano un modello di nuova tecnologia e le sue possibili applicazioni per il nostro territorio, con l’obiettivo di traguardare una mobilità sostenibile all’insegna della qualità del servizio, così come del massimo confort per l’utenza e la nostra comunità” aggiungono ancora i vertici dell’azienda di trasporto savonese.

“Il modello E60 consente di adattare le esigenze di trasporto a contesti territoriali tipici della Liguria e del savonese. Il mezzo ha già conquistato il mercato europeo ed è stato già introdotto anche in Italia con altri modelli (come l’E80 a Genova, ad esempio)”. “Il nuovo modello di trasporto pubblico che consentirà di ottenere una riduzione notevole del rumore e dell’inquinamento, inserito in un Piano urbano della mobilità sostenibile che punta al miglioramento della qualità del servizio, è ormai un percorso avviato e una mission aziendale di TPL Linea”.

“Ora auspichiamo che si possa dare concretezza e fattibilità allo stesso Recovery Plan e alle risorse previste per la mobilità sostenibile con l’arrivo di nuovi mezzi elettrici e infrastrutturazioni adeguate al servizio di trasporto locale nel segno della sostenibilità ambientale” concludono i vertici di TPL Linea.