Acquisizione Bombardier, Benveduti: “Alstom chiarisca la mission produttiva di Vado Ligure”

Stabilimento Bombardier di Vado Ligure

“Dopo decenni di spregiudicata deindustrializzazione, sarebbe inaccettabile impoverire ulteriormente il tessuto produttivo ligure e italiano. Accogliamo perciò con favore l’acquisizione di Bombardier da parte di Alstom, ma è necessario al più presto un incontro, anche alla presenza delle sigle sindacali, per chiarire la missione produttiva che riserverà la multinazionale francese al sito di Vado Ligure”.

È il commento dell’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti, in merito al passaggio di Bombardier Transportation Italy ad Alstom, gruppo industriale francese che opera nel settore della costruzione di treni e infrastrutture ferroviarie.

“Regione Liguria vigilerà per far sì che questa sia finalmente un’occasione di rilancio – aggiunge Benveduti – ad oggi Vado Ligure può contare su commesse che garantiranno lavoro fino alla fine dell’anno prossimo, ma occorre avere un piano industriale che tuteli la strategicità dei siti produttivi nazionali di Bombardier e salvaguardi l’attuale occupazione. Vorremmo ad esempio avere rassicurazioni sull’integrazione dello stabilimento ligure, che oggi può contare sulla professionalità di circa 500 lavoratori, con quello di Savigiliano (CN) di Alstom, centro d’eccellenza per i treni ad alta velocità e a soli 100 km di distanza”.

Speciale IBS leggere l’attualità. Una selezione di libri che aiutino a decifrare ciò che accade in Italia e nel mondo e capire i temi più caldi del momento