Liguria, modificato l’Allerta meteo per piogge diffuse e temporali

Dalla serata generale attenuazione dei fenomeni ad iniziare da Ponente mentre sul centro Levante le precipitazioni andranno gradualmente esaurendosi nel corso della notte

sede Arpal a Genova

È in atto sulla Liguria la prevista fase di maltempo con piogge diffuse, localmente anche forti, venti meridionali di burrasca e mare con moto ondoso in aumento. Nelle prossime ore attesi anche temporali e nevicate in particolare sui versanti Padani.

Alla luce della situazione in atto e delle ultime uscite modellistiche Arpal ha modificato l’Allerta meteo per piogge diffuse e temporali che avrà, dunque, questa scansione:

  • centro e versanti padani di levante (zone b, e, tutti i bacini): gialla fino alla mezzanotte di oggi;
  • levante (zona c): bacini piccoli, gialla fino alla mezzanotte di oggi; bacini medi, gialla fino alle sei di domani, sabato 23 gennaio; bacini grandi, arancione fino alle 6 di domani, poi gialla fino alle 8 di domani sabato 23 gennaio.

Per quanto riguarda la neve, emanata l’allerta gialla dalle 17 di oggi alle 3.00 di domani sulla zona d (versanti padani di ponente)

Dalla serata di ieri piogge diffuse generalmente d’intensità tra il debole e il moderato, localmente forte, hanno interessato soprattutto il centro e il Levante della regione. Alle ore 12 le intensità orarie massime (registrate nella notte) sono i 32.6 millimetri di Cembrano (Maissana, La Spezia) e i 30.4 di Torriglia (Genova). Nelle ultime 24 ore, invece, queste le cumulate massime: Diga del Brugneto (Genova) 144.4, Torriglia (Genova) 144, Cabanne (Rezzoaglio, Genova) 131.2, Amborzasco (Santo Stefano d’Aveto, Genova) 116.6, Diga di Giacopiane (Genova) 101.4, Cuccarello (Sesta Godano, La Spezia) 99.8. Sul versante toscano del Magra il pluviometro di Parana (comune di Mulazzo) segna 139.6 millimetri.

Le precipitazioni già in atto stanno portando alla formazione di piene dei maggiori corsi d’acqua con i picchi attesi transitare nel pomeriggio/sera di oggi. Da segnalare, per il mare, l’aumento del moto ondoso e, per il vento, le raffiche di burrasca meridionale che hanno toccato 140.8 km/h a Casoni di Suvero (Zignago, La Spezia) , 122.8 a Fontana Fresca (Sori, Genova), 115 a Lago di Giacopiane (Genova). A La Spezia, invece, si è registrata una raffica massima di 81.3 km/h.

In queste ore le precipitazioni si vanno intensificando con piogge diffuse un po’ su tutta la regione e temporali anche forti o organizzati attesi nelle prossime ore in particolare sul centro e sul Levante. Verso sera lo zero termico tenderà ad abbassarsi: saranno possibili prima fenomeni di gelicidio o gragnuola poi è previsto il passaggio a neve sui versanti padani di Ponente anche sotto forma di rovescio nelle zone sensibili (tracciati autostradali). Neve anche sulla parte più occidentale dei versanti padani di Levante con le zone sensibili interessate da spolverate nevose anche sotto forma di rovescio. Soprattutto per la fase nevosa permane, comunque, un margine d’incertezza previsionale dettato dalle condizioni termiche al limite tra pioggia e neve.

Dalla serata generale attenuazione dei fenomeni ad iniziare da Ponente mentre sul centro Levante le precipitazioni andranno gradualmente esaurendosi nel corso della notte. Il vento sarà ancora forte meridionale con raffiche fino a burrasca, il moto ondoso è atteso in ulteriore aumento con possibili mareggiate intense, domani sabato, a Levante e sulle coste più orientali della zona B.

Speciale IBS leggere l’attualità. Una selezione di libri che aiutino a decifrare ciò che accade in Italia e nel mondo e capire i temi più caldi del momento