Coronavirus: Toti: “da lunedì Liguria in zona gialla ma non bisogna abbassare la guardia”

"Non abbassiamo la guardia proprio adesso, continuiamo a rispettare le regole anche in attesa di conoscere dal Governo le nuove norme del prossimo Dpcm”

Giovanni Toti - Regione Liguria nella Sala trasparenza

Genova | “Da domani la Liguria torna in zona gialla, bar e ristoranti resteranno aperti fino alle 18 e questa è una buona notizia per questa categoria che tanto sta pagando, insieme ad altre, le conseguenze economiche della pandemia. Serve però essere prudenti, ancora di più se possibile. Non abbassiamo la guardia proprio adesso, continuiamo a rispettare le regole anche in attesa di conoscere dal Governo le nuove norme del prossimo Dpcm” che sarà firmato in settimana ed entrerà in vigore dal 16 gennaio.

Pubblicità

Questo l’appello del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, in vista, da lunedì 11 gennaio, del ritorno della Liguria in zona gialla.
Nel segno della prudenza, il presidente Toti ricorda che “precauzionalmente abbiamo deciso, come quasi tutte le regioni, di posticipare di una settimana l’apertura in presenza delle scuole superiori, proprio perché i nostri dati sono a cavallo tra la fascia gialla e quella arancione”.

Per quanto riguarda le vaccinazioni anti Covid, “anche nel weekend sono andate avanti senza sosta: abbiamo somministrato quasi il 60% delle dosi che abbiamo, La Spezia e Savona hanno finito le loro (eccetto quelle tenute da parte per i ‘richiamiì) e domani attendiamo altre 14 ‘pizza box’ per ripartire anche qui. Andremo avanti a pieno ritmo – prosegue Toti – per terminare questa prima tranche, in attesa di iniziare la fase 2 con cui, dopo operatori sanitari e ospiti delle Rsa, vaccineremo anche il resto della popolazione, partendo proprio dalle persone più anziane e fragili, quelle più colpite dal virus”.

Pubblicità