Savona, una statuetta “infermiera” per ringraziare il personale sanitario

Da Coldiretti e Confartigianato un dono simbolico per il presepe della Diocesi di Savona per ringraziare le professioni sanitarie attive nella lunga lotta al Covid

Savona statuetta vescovo 1

Savona | Una statuetta “infermiera” per ringraziare il personale sanitario nella lunga lotta al Covid-19. È il dono per il presepe della Diocesi di Savona che è stato consegnato questa mattina al vescovo della città, Mons. Calogero Marino dal Direttore di Coldiretti Savona Antonio Ciotta e dal Direttore di Confartigianato Savona Mariano Cerro. La statuina è stata realizzata da uno storico laboratorio artigiano di arte presepiale nel cuore antico di Napoli, simbolo indelebile dell’impegno e del sacrificio di tutto il mondo della sanità per la cura delle persone colpite dalla pandemia.

Pubblicità

“In un anno così difficile per le nostre comunità e per i nostri imprenditori – affermano il Presidente di Coldiretti Savona Marcello Grenna e il Direttore Provinciale Antonio Ciotta – abbiamo voluto mettere al centro del presepe i valori della solidarietà e della generosità da sempre propri del mondo agricolo e oggi testimoniati da tutti coloro che si battono per salvare la vita delle persone. Al pari dei pastori e delle loro greggi che immancabilmente sono protagonisti della Natività, le immagini che raffigurano l’operatrice sanitaria, sono il simbolo di questi valori e la modernità del Presepe viene proprio dal suo legame con la vita di tutti i giorni, che per gli agricoltori e gli allevatori vuole dire conservazione dei territori, della biodiversità e delle comunità rurali.”

Artigianato significa impresa che fa comunità. – commenta Mariano Cerro direttore di Confartigianato Savona- E lo abbiamo dimostrato anche in questa terribile circostanza della pandemia. Con il nostro lavoro abbiamo garantito prodotti e servizi indispensabili alle persone. Ma abbiamo anche contribuito ad offrire sostegno alla collettività. Per questo, in un anno così difficile per le nostre comunità e per i nostri imprenditori abbiamo voluto mettere al centro del Presepe i valori della solidarietà e della generosità testimoniati da tutti coloro che si battono per salvare la vita delle persone. Le statuine sono il simbolo di questi valori e della tradizione ed eccellenza manifatturiera dell’artigianato italiano.”

Pubblicità

Agricoltori, artigiani, medici, infermieri ed operatori sanitari non hanno mai smesso di lavorare in questa difficile pandemia per garantire la salute dei cittadini e l’approvvigionamento alimentare delle famiglie, nonostante i rischi e le difficoltà. “C’è un atteggiamento che Papa Francesco ci ha invitato a vivere per diventare più uomini e, per chi crede, più cristiano: prenderci cura dell’altro, di noi stessi, della terra, di ogni persona, vicina o lontana, che soffre, nel corpo e nello spirito. E’con questo spirito che abbiamo voluto rendere omaggio a chi, in questo periodo drammatico dell’umanità diventa anche luce di speranza per un mondo migliore: gli infermieri, gli operatori sanitari, i medici” concludono le associazioni promotrici dell’iniziativa