Consiglio comunale Albenga annulla mozione test anti droga; Cangiano: “Delibera contro norme costituzionali”

Il sindaco Riccardo Tomatis: “La battaglia contro gli stupefacenti si fa attraverso l’informazione, lo sport, progetti e anche la repressione e su questo ci stiamo impegnando molto e credo che ciò sia sotto gli occhi di tutti”.

Giorgio Cangiano

Albenga | Durante il consiglio comunale di ieri giovedì 12 novembre è stata annullata in autotutela la deliberazione consigliare n. 36 del 26.06.2020 “Mozione a firma del Consigliere Roberto Tomatis ad oggetto: Test anti droga per gli Enti e nominati nelle istituzioni”.

A relazionare il punto il consigliere ed ex sindaco Giorgio Cangiano : “Il segretario Generale Nerelli ha depositato un parere che evidenzia l’illegittimità della delibera adottata lo scorso 26 giugno. Non è possibile, infatti, sulla base della Costituzione italiana, obbligare qualcuno a sottoporsi ad un esame medico. Mi è dispiaciuto leggere alcune dichiarazioni sul giornale nelle quale si avanzavano dubbi o spiacevoli insinuazioni. Credo che l’amministrazione non ha mai fatto passare il messaggio di essere di ‘manica larga’ sul tema stupefacenti sul quale, anzi, ci stiamo continuando a battere”.

L’assessore alla sicurezza Mauro Vannucci: “A prescindere dal test antidroga voglio sottolineare l’impegno da parte della polizia locale e delle altre forze dell’ordine nel contrasto allo spaccio di stupefacenti e il loro consumo in particolare da parte dei giovanissimi. Proprio su questo stiamo portando avanti progetti e programmi di sensibilizzazione ad hoc. Detto questo, mi spiace leggere le parole del consigliere di minoranza Roberto Tomatis nelle quali si usano termini come sospetti e ombre che credo siano diffamatori.”.

Il sindaco Riccardo Tomatis, concorde con Vannucci: “Credo che le parole abbiano un peso e usare certi termini è molto grave. Sottoporci al testa antidroga oggi andrebbe ad intasare il sistema sanitario e soprattutto non credo sia così che si possa avere risultati efficaci su questa tematica. La battaglia contro gli stupefacenti si fa attraverso l’informazione, lo sport, progetti e anche la repressione e su questo ci stiamo impegnando molto e credo che ciò sia sotto gli occhi di tutti”.

L’annullamento della delibera è passato con il voto favorevole di tutti i consiglieri sia di maggioranza che di opposizione, tranne il consigliere Tomatis.