Scopriamo quali sono gli YouTuber più popolari nel mondo 

YouTuber

Qual è lo YouTuber più popolare? Quando eravamo piccoli molti di noi sognavano di diventare degli astronauti. Oggi invece molti giovani sognano di diventare degli YouTuber professionisti. E chi può biasimarli? Con una base di fan abbastanza ragguardevole il Vlogging può diventare un’attività davvero redditizia. Le nuove tecnologie offrono molte opportunità di guadagno e di divertimento; c’è chi vuole scoprire come vincere alla roulette online, chi vuole creare il proprio e-commerce e chi invece vuole comunicare e far conoscere a tutto il mondo la propria e personale passione costruendo la propria fama attraverso YouTube.

Cos’è il Vlogging

Il Vlog, o video Blog, è un contenuto video in formato Blog, dove le persone (i Vlogger o creatori di contenuti) raccontano il loro quotidiano ai propri spettatori i quali entrano letteralmente a far parte della vita, o perlomeno di quella parte di vita ripresa in video, dei vari Blogger. Il formato di questi contenuti è sempre video, può essere visionato e seguito in diretta attraverso delle live streaming programmate, oppure tramite una piattaforma su cui i video vengono caricati con buona frequenza e resi fruibili a tutti gli spettatori. Il mezzo più utilizzato per fare Vloggin è proprio YouTube.

Come si guadagna con YouTuber?

Su internet è pieno di tutorial che spiegano come fare a guadagnare con questo famoso social. Vediamo quali sono i metodi principali con cui i creatori di contenuti generano le loro entrate.

  • Annunci. Se uno YouTuber raggiunge 1.000 abbonati e 4.000 ore di visualizzazione entro un anno, può iniziare a monetizzare il proprio account con annunci pubblicitari. Gli utenti di YouTube vengono pagati solo quando uno spettatore guarda l’annuncio completo o fa clic su di esso.
  •  YouTube Premium. Si tratta di un servizio di abbonamento mensile che consente ai fan di guardare i propri contenuti preferiti senza pubblicità. Gli utenti di YouTube ottengono una percentuale dei profitti degli abbonamenti, in base al numero di visualizzazioni attratte dal loro canale.
  • Sponsorizzazioni aziendali. Conosciuto anche come influencer marketing, questo è il metodo con cui brand famosi pagano i creatori di contenuti per promuovere un loro prodotto. Un Vlogger in genere ha bisogno di un ampio seguito prima che un brand sia disposto a lavorare insieme. Il guadagno varia in base all’azienda e agli obiettivi di marketing studiati dal brand.
  • Vendita di merci. Se un influencer ha una fedele base di fan, può generare buone somme vendendo oggetti di marca. Si stima che PewDiePie, lo YouTuber più famoso al mondo, guadagni oltre 6 milioni di dollari al mese grazie alle vendite di merchandising.

Sebbene ci siano diverse opzioni per fare soldi su YouTube, è quasi impossibile guadagnarsi da vivere senza un grande seguito. Con oltre 50 milioni di creatori di contenuti su YouTube, farsi notare non è un’impresa affatto semplice. Come accennato in precedenza, lo YouTuber più famoso al mondo è il Vlogger svedese PewDiePie. È famoso per i suoi video “Let’s Play”, che lo documentano mentre gioca a vari videogiochi. PewDiePie è entrato a far parte di YouTube nel 2010 e ora ha 105 milioni di abbonati. Sebbene risieda in Inghilterra, il suo canale è registrato negli Stati Uniti. Vale la pena notare le enormi discrepanze tra alcuni paesi. Ad esempio, mentre lo YouTuber più popolare degli Stati Uniti, Like Nastya, vanta 57 milioni di abbonati, il principale Vlogger di Eswatini, OuSSama MiZani ne ha meno di 800. È ovvio che alcuni mercati sono più saturi di altri.

Non sorprende che la categoria più popolare sia “l’Intrattenimento”, che conta infatti 72 degli YouTuber più facoltosi. La seconda categoria più popolare è quella dei “Giochi”, con 25 dei maggiori YouTube in circolazione. Al terzo posto ci sono i video “How To” dove sono presenti 18 degli Youtuber più remunerati dei 187 presi in esame. È importante notare che le cifre sono stime rispetto alle entrate pubblicitarie di ogni YouTuber, che non tengono conto delle sponsorizzazioni aziendali, delle vendite dei prodotti in merchandising e delle donazioni dei fan.