Strati di tempo nella Chiesa di Sant’Agnese: un progetto fotografico di Marco Maria Zanin

Marco Maria Zanin_Chiesa di Sant'Agnese_Volte
Marco Maria Zanin | Chiesa di Sant’Agnese / Volte, 2019 | Stampa fine art su carta cotone | Dittico, 137,5×110 cm ciascuno

Venezia / Padova | Tracce del tempo in riflessi di ombra e di luce. Dal 22 settembre la Fondazione Alberto Peruzzo presenta presso la Casa dei Tre Oci a Venezia, Strati di tempo nella Chiesa di Sant’Agnese, il nuovo progetto fotografico di Marco Maria Zanin.

Marco Maria Zanin (Padova, 1983) è un artista e ricercatore che usa la fotografia come principale, ma non unico, mezzo espressivo: “i suoi lavori sono un’immersione dentro a ciò che il tempo ha trasformato, la ricerca di un equilibrio e di una nuova strada verso il futuro che valorizzi il passaggio del tempo e le sue tracce; c’è l’attenzione per la tradizione, i segni dell’uomo e per gli strumenti con cui modifica l’ambiente e il territorio, dall’architettura agli utensili di ieri e di oggi. Con la fotografia cerca di ridare senso e contesto a queste stratificazioni nella società contemporanea: nelle sue opere passato e presente si sovrappongono, segni lievi e altamente poetici tracciano un nuovo percorso interpretativo fatto di spazi vuoti e silenzi, nel tentativo di allacciare e riallacciare legami che mettano sempre al centro l’uomo e il suo rapporto armonico con l’ambiente”.

Per questi motivi la Fondazione Alberto Peruzzo ha deciso di affidare a Marco Maria Zanin un progetto fotografico che interpreti la presenza fisica e scenografica degli spazi vuoti della Chiesa di Sant’Agnese, da anni oggetto di complessi restauri e presto pronta all’apertura, diventando sede della Fondazione stessa e luogo per progetti di arte e cultura.

La Chiesa di Sant’Agnese a Padova, eretta in età anteriore al 1202, ex luogo sacro oggi sconsacrato, è una sorta di spazio scenico che, in più fasi della propria vita, ha visto avvicendarsi identità diverse: luogo di culto nel corso del Medioevo, nel Settecento la sua struttura è stata modificata per poi essere bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale – la canonica venne parzialmente distrutta e mai più restaurata –, e sconsacrata nel 1947, fino a essere venduta a privati che, dalla fine degli anni Quaranta, l’hanno trasformata in un’autofficina la cui attività cessò alla fine degli anni Ottanta, per essere poi definitivamente abbandonata.

Zanin è intervenuto all’interno dell’edificio nel corso del restauro, cercando di immortalare quei segni e frammenti da cui scaturiscono le storie e le vicende di Sant’ Agnese.

Marco Maria Zanin_Chiesa di Sant'Agnese_Officina
Marco Maria Zanin | Chiesa di Sant’Agnese/ Officina, 2019 | Stampa fine art su carta cotone | 110×137,5 cm

La mostra alla Casa dei Tre Oci espone 13 scatti di grande e medio formato ed è accompagnata da un testo critico di Enrico Gusella, che sottolinea come “… la fotografia, quale sistema narrativo, diventa per Zanin la dimensione visiva in cui i segni presenti – travi, frammenti, campanelli, rilievi, capitelli, mattoni, lunette, squarci – sono gli elementi cardine come esempio su cui ricostruire e ri-comporre il tutto… E i frammenti immortalati da Zanin diventano i capitoli di un’opera aperta, che si snoda attraverso rinvii e rimandi, forme e segni o di una battaglia sul campo – Sant’Agnese del resto di guerre ne ha viste molte, e da ultima si è ritrovata a essere deposito, officina, ricovero per oggetti mobili e in movimento: le auto da riparare. E leggere le fotografie di Zanin, lungo questa selezionata raccolta, è allora il modo per dare corpo a una storia, per individuare le fonti di un’archeologia contemporanea in discussione, in un’opera traversale dalla continua mutazione.”

E proprio sul frammento, o meglio sui frammenti, come sistema di segni – modo antico e archeologico di percepire e rappresentare le cose e gli oggetti, ma anche forme e configurazioni – si sviluppa l’indagine fotografica di Marco Maria Zanin sulla storia e le stratificazioni della Chiesa di Sant’Agnese a Padova.

INFO | Marco Maria Zanin Strati di tempo nella Chiesa di Sant’Agnese | Casa dei Tre Oci, sale De Maria (Giudecca 43, Venezia) | 22 settembre – 18 ottobre 2020 | Da mercoledì a domenica: 11 – 19 | Biglietto d’ingresso alla Casa dei Tre Oci, comprensivo della visita alla mostra Jacques Henri Lartigue, L’invenzione della felicità, 13€; ridotti da 11€ a 5€ | Centro informazioni e prenotazioni: +39 0412412332

Marco Maria Zanin_Chiesa di Sant'Agnese_Vecchi accessi
Marco Maria Zanin | Chiesa di Sant’Agnese / Vecchi accessi, 2019 | Stampa fine art su carta cotone | Dittico, 137,5×110 cm ciascuno

Marco Maria Zanin (Padova, 1983) si laurea prima in Lettere e Filosofia e poi in Relazioni Internazionali. Artista e ricercatore, muovendosi tra i media della fotografia la scultura, sviluppa una ricerca che interseca arte e antropologia, verso una rilettura di patrimoni locali e tradizioni popolari appartenenti a piccole comunità di diverse parti del mondo. Attualmente dottorando in Antropologia presso l’ISCTE di Lisbona, vive tra Padova, Lisbona e San Paolo. Tra le mostre personali si ricordano As obras e os dias (2017) a cura di Jacopo Crivelli Visconti, presso il Pivô Arte e Pesquisa, San Paolo; Dio è nei frammenti (2017) a cura di Daniele De Luigi presso la Galleria Civica di Modena. Nel 2019 presenta con un solo show la serie ‘Ferite/feritoie’ nella sezione PRISME di Paris Photo, presso il Grand Palais.  Sue opere sono contenute in collezioni pubbliche e private in Italia e nel mondo, tra cui MART di Rovereto, Galleria Civica di Modena, GAM – Galleria d’Arte Moderna di Genova, Salsali Museum di Dubai, Museo Morandi, MAM di Rio de Janeiro. Nel 2015 è fondatore di Humus Interdisciplinary, una piattaforma che organizza residenze per artisti e ricercatori con l’obiettivo di dinamizzare patrimoni che non esprimono totalmente le loro potenzialità, soprattutto in aree rurali del Veneto e del Portogallo.