Alassio, approvato il progetto di ripascimento straordinario

Alassio costa piovosa

Alassio | Sbloccati i cantieri sta andando avanti l’iter per la ricostruzione delle difese del litorale, una battaglia che l’amministrazione comunale di Alassio, ma la città tutta, sta combattendo su più fronti: quello della progettazione di un’opera sommersa che attenui la forza delle onde, e quella della ricostruzione dell’arenile, prima fondamentale difesa della costa.

Se per quanto riguarda l’opera soffolta sono state recentemente individuate le risorse per l’affidamento della progettazione, per quanto riguarda la ricostituzione della spiaggia emersa la Giunta Comunale ha appena deliberato l’approvazione del Progetto Definitivo ed esecutivo del ripascimento strutturale.

Il “progetto definitivo delle opere​ a difesa naturale del centro urbano prospiciente il litorale, per la sicurezza delle vite umane e a salvaguardia delle strutture, infrastrutture e dei beni pubblici e privati, attraverso la ricostituzione della spiaggia emersa coniugata con manutenzione stagionale e/o  opere a mare di difesa e conservazione degli arenili” era stato consegnato circa un mese fa alla Regione Liguria affinché verificasse che non fosse soggetto a Via e autorizzasse  il proseguo dell’iter.

“Come previsto – spiega l’Assessore alla Protezione Civile e ai Lavori Pubblici Franca Giannotta – nell’ambito della Conferenza dei Servizi è emerso che il progetto non è soggetto a Via e abbiamo ottenuto le autorizzazioni necessarie e la conclusione della conferenza dei servizi con l’approvazione del progetto. Trattandosi poi di un progetto inferiore alla soglia Comunitaria, sfruttando sia il Decreto Semplificazione, sia l’Ordinanza di Protezione Civile, gli uffici comunale stanno avviando l’iter procedurale per affidare i lavori. Entro la fine di settembre come previsto dall’ordinanza di protezione civile e dal decreto del Ministero che ha ripartito i fondi, riusciremo a contrattualizzare l’opera. Nel frattempo si giungerà anche a conclusione della progettazione dell’opera di difesa a mare, fondamentale perché non solo non sia vanificato il primo intervento, ma perchè Alassio smetta di tremare ad ogni mareggiata e torni ad avere la sua splendida spiaggia”