Liguria, ordinanza elimina il numero chiuso nelle Chiese e nei luoghi di culto

Genova | Firmata oggi dal presidente di Regione Liguria Gobvanni Toti, in accordo con la Conferenza episcopale della Liguria, l’ordinanza n.55 che elimina il numero chiuso nelle Chiese e nei luoghi di culto della regione. Sarà ripristinata la consueta capienza delle strutture, con l’obbligo di utilizzare la mascherina e mantenere la distanza di un metro tra persone non congiunte.

In una nota, ulteriori precisazioni di Regione Liguria: «L’ordinanza di Regione Liguria pubblicata oggi non elimina l’obbligo di indossare la mascherina e di mantenere il distanziamento sociale di almeno un metro all’interno delle chiese e dei luoghi di culto».

«Il numero massimo di accessi possibili viene determinato da oggi in base alle dimensioni dell’edificio, assicurando il distanziamento sociale al suo interno. È quindi possibile, nelle chiese di grandi dimensioni superare il numero di 200 accessi, sempre a patto che sia rispettato il distanziamento sociale».

«L’unica deroga sul distanziamento sociale riguarda persone dello stesso nucleo familiare, conviventi, congiunti, parenti con stabile frequentazione, persone che condividono abitualmente gli stessi luoghi o svolgono vita sociale in comune.»