Albenga si prepara all’autunno e all’arrivo delle piogge

Pulizia Rii e Canali di Albenga: interventi del Comune, ma “anche i privati devono fare la loro parte, entro il 5 ottobre secondo ordinanza”

Albenga - pulizia rio Carenda

Albenga | L’amministrazione di Albenga ha destinato 104 mila euro per la pulizia di altri rii e canali (tra questi rio Ciambellino e rio Inferno) presenti sul territorio e tra questi è previsto un importante intervento sul fiume Centa in corrispondenza di Viale Martiri della Foce. L’intervento prevede il taglio di alberi e la pulizia completa del tratto in oggetto.

Oltre agli interventi ad opera del Comune è stata emanata un’ordinanza con la quale si fa obbligo agli agricoltori frontisti di ripristinare entro il prossimo 5 ottobre l’originaria sede degli scarichi a cielo aperto, rii, fossi e canali adiacenti ai terreni di loro proprietà che potrebbero cagionare situazioni di pericolo. “Con l’approssimarsi della stagione autunnale è necessario il massimo impegno sul nostro territorio ed è importante la collaborazione di tutti gli imprenditori agricoli per contrastare fenomeni alluvionali” spiega l’assessore all’Agricoltura Silvia Pelosi. “Intanto, oltre agli interventi in programmazione stiamo portando avanti la proceduta per la costituzione di un consorzio di bonifica che sarà fondamentale per avere una programmazione migliore e più specifica su questo importante tema per la nostra piana”.

Per mitigare i rischi, in particolare si ordina ai proprietari o possessori di terreni prospicienti le strade e confinanti con fossi e canali di provvedere entro il 5 ottobre:

  • Alla pulizia e ripristino delle originarie sezioni e livellette di fossi e canali ostruiti da detriti e rifiuti di ogni genere;
  • A rimuovere ogni materiale che ostacoli il regolare deflusso delle acque, ripristinando le condizioni di regolarità;
  • A ripristinare i fossi di scolo delle acque eventualmente abbandonati o eliminati per l’introduzione di nuove tecnologie colturali in agricoltura;
  • Ad effettuare il taglio delle piante cresciute negli alvei e lungo le sponde dei corsi d’acqua;
  • Ad effettuare il taglio delle siepi e dei rami che si protendono sui coni d’acqua e sul suolo pubblico;
  • La costante, continua e regolare manutenzione dei fossi stradali e di scolo dei terreni e a ripristinarli se abbandonati o intasati.

“Chiediamo a tutti i frontisti di collaborare per il bene comune” afferma il vicesindaco Alberto Passino, “di farlo entro i termini previsti dall’ordinanza e per qualsiasi delucidazione o informazione di rivolgersi all’ufficio lavori pubblici o agricoltura. Pensiamo a quando i nostri vecchi, pulivano i canali tutti gli anni in vista della festa patronale di San Michele, ecco prendiamo esempio dalla nostra storia, per guardare più sereni al futuro”.

Il sindaco Riccardo Tomatis ricorda che “viviamo in un periodo climatico particolare nel quale sempre più spesso si verificano fenomeni meteorologici violenti e improvvisi che evidenziano ancor più la fragilità del nostro territorio. Per questo è necessario intervenire, così come stiamo facendo, attraverso una programmazione che, a rotazione, ci permette di interessare tutti i rii presenti sul nostro territorio. Naturalmente è necessario che anche i privati collaborino per limitare i danni e i pericoli derivanti dal maltempo pulendo i rii e i fossi di propria competenza”.

Intanto proseguono anche i lavori già avviati, “innanzitutto quello relativo al primo lotto funzionale di Rio Fasceo e Carendetta del valore di 2,5 milioni di euro finanziato attraverso i fondi PSR ed affidato alla ditta Sas Fratelli Vecchione. Tale intervento che sta procedendo regolarmente, permetterà, entro l’inizio della brutta stagione, di risolvere il nodo più critico mettendo in sicurezza le aziende agricole e i residenti della zona”.

Già appaltato, inoltre, un intervento da 20 mila euro sul canale Bra di via del Cristo e il ripristino della funzionalità del torrente Arroscia attraverso la messa in sicurezza di alcuni tubi dell’acquedotto e il potenziamento delle sponde, con un importo per l’intervento di 40mila euro.