Covid-19 e calamità naturali: nuove risorse per le aziende agricole

Cia Savona: “Impegno per far riconoscere i danni subiti dalle nostre imprese”

Sede Cia Savona

Genova / Albenga |Via libera ai risarcimenti Covid con fondi UE dalla Regione Liguria. Dal 24 agosto sarà possibile presentare domanda sulla Misura 21 del PSR per le aziende agricole con più del 30% di perdita fatturato tra il 1 semestre 2019 e il 1 semestre 2020: le imprese saranno convocate da CIA Savona a partire dal 24 agosto.

L’Unione Europea ha concesso alle Regioni di spendere il 2% del PSR (per la Liguria circa 6.200.000 euro) per risarcimenti alle aziende danneggiate gravemente dall’emergenza sanitaria.

“CIA è sempre stata attiva e propositiva affinché fosse prevista la Mis.21 e di conseguenza sviluppato il bando prima possibile” afferma il direttore CIA Savona Osvaldo Geddo. “Le disponibilità di fondi per il comparto agricolo e le sue filiere produttive è essenziale per dare solidità alla piena ripresa di molte aziende del savonese”.

Inoltre, sono state stabilite forme e modalità per i danni da calamità naturali relative all’autunno del 2019: entro fine mese deve essere presentata domanda, tramite CIA, con il computo metrico. Infatti, il provvedimento limita il riconoscimento del risarcimento ai soli danni strutturali subiti dalle imprese, mentre esclude quelli alle coltivazioni.

Le aziende che avevano fatto segnalazioni tramite CIA sono state informate. “Altre imprese che avessero omesso le segnalazioni tempestive possono tentare di presentare la domanda, senza garanzia che sia accolta, naturalmente se sono in grado di documentare adeguatamente il danno subito nell’autunno 2019”.