Savona, TPL Linea: 685 mila euro per nuovi autobus “corti”

La complessa orografia del territorio ligure e del savonese comporta l'impiego di mezzi molto particolari per l'esecuzione del trasporto pubblico di linea

Savona - Azienda TPL Linea

Savona / Albenga | Con il Decreto del Ministero dei Trasporti n. 223 del 29/05/2020 sono state stanziate risorse a TPL Linea Srl per un ammontare di 685.000 euro destinate al rinnovo parchi autobus utilizzati per i servizi di trasporto pubblico locale.

A seguito di quanto indicato dall’ufficio Acquisti, l’azienda ha valutato di indire una gara europea per l’acquisto di nuovi mezzi, il cui costo di mercato, con gli allestimenti previsti dal decreto ministeriale, varia dai 130.000 ai 140.000 euro.

La gara, approvata nel corso dell’ultima Cda di TPL Linea srl, avrebbe come base di gara 685.000 euro per l’acquisto di 5 nuovi autobus, oltre ad un altro mezzo opzionabile in caso di acquisto con integrazione di fondi propri. Il bando, con i dettagli e le caratteristiche tecniche dei nuovi mezzi, sarà pubblicato sul sito www.tpllinea.it.

La complessa orografia del territorio ligure e del savonese comporta l’impiego di mezzi molto particolari per l’esecuzione del trasporto pubblico di linea. Ad oggi il segmento maggiormente carente in TPL Linea sono i cosiddetti mezzi “corti” (massimo 7 metri), con dimensioni veicolari particolari e più agili, tali da adattarsi ai percorsi stradali più impervi, in particolare per le località e le direttrici di collegamento dell’entroterra.

“La gara europea varata da TPL Linea risponde proprio alla necessità di individuare una soluzione che permetta la sostituzione di tale tipologia di mezzi, che rappresenta una priorità per migliorare e rendere ancora più funzionale il nostro complessivo servizio di trasporto pubblico locale nel territorio savonese” affermano il presidente di TPL Linea srl e il direttore generale Giovanni Ferrari Barusso.

“La principale criticità in questi anni è stata la dismissione, a livello industriale, del segmento di mezzi pubblici a dimensione ridotta. Probabilmente la poca redditività di questa tipologia di mezzi nel trasporto pubblico, orientato ai grandi nodi urbani, non ha permesso un suo adeguato sviluppo. E quindi negli ultimi anni non si è mai provveduto all’acquisto di nuovi autobus”.

“Oggi, tuttavia, questa operazione risulta assolutamente necessaria e prioritaria per il mantenimento degli attuali livelli di esercizio delle linee, riscontrando il ritorno di veicoli a produzione industriale anche per tale segmento”. “Le presenti caratteristiche risultano essere le indicazioni tecniche minimali per poter sostituire i mezzi attualmente in servizio. In tal senso, per provvedere ad una manifestazione d’interesse si ritiene che questo sia il giusto punto di partenza” concludono i vertici del trasporto pubblico savonese.