“Match buffo”: a Savona un duello tra campioni seriamente divertenti

Nel terzo appuntamento di “Contaminazioni liriche/Festival 20.20” l’Opera Giocosa di Savona porta sul Priamar un duello in musica tra due bassi di fama mondiale, Simone Alberghini e Paolo Bordogna, in cui a vincere sarà di sicuro il pubblico.

Paolo Bordogna
Nella foto: Paolo Bordogna

Savona | Riuscirà il pianista/arbiter Gianluca Ascheri a tenere in equilibrio la sfida “all’ultima nota” tra due campioni della lirica come Simone Alberghini e Paolo Bordogna? È una delle domande a cui verrà data degna risposta mercoledì 5 agosto sul Priamar (ore 21.30, orario comune a tutte le rappresentazioni della kermesse) nel corso di “Match buffo”, uno degli spettacoli più originali e divertenti di “Contaminazioni liriche/Festival 20.20” a cui ha dato quest’anno vita l’Opera Giocosa di Savona.

Con una dovuta precisazione. Come suggerisce la definizione stessa di ‘arbiter’ di petroniana memoria simpaticamente affibbiata a Gianluca Ascheri, la sfida non avrà nulla di cruento ma sarà anzi tutta legata al puro godimento estetico di un divertente fronteggiarsi tra campioni del bel canto conosciuti a livello internazionale. Tutte condizioni che decretano già in partenza il vincitore della sfida: sarà infatti il pubblico a trionfare in una serata che si preannuncia già adesso memorabile per il livello qualitativo offerto dallo spettacolo. Come avveniva nell’uso salottiero di un tempo, la sfida tra due voci fatta a colpi di acuti, colorature, gorgheggi e sapiente allegria trasformerà il Priamar nella quinta suggestiva di un’atmosfera senza tempo, dal sapore antico e modernissimo al contempo.

Simone Alberghini
Nella foto: Simone Alberghini

«La vocazione del festival, il primo che Savona abbia mai avuto, e del lavoro svolto negli anni dall’Opera Giocosa è anche quella di rendere sempre attuale e vivo un patrimonio musicale che, alla prova dei tempi e dei fatti, si dimostra ogni volta tutt’altro che antico e superato – commenta Giovanni Di Stefano presidente e direttore artistico dell’unico ente lirico di tradizione della Liguria riconosciuto dal Ministero – tutti elementi che, quest’anno, si sono accentuati ulteriormente attraverso le nostre ‘contaminazioni liriche’ offrendo al nostro pubblico un omaggio alla grande musica che rimarrà di sicuro impresso nel cuore di chi vorrà condividerlo con noi».

Di grandissimo fascino anche il prossimo appuntamento che, sabato 8 agosto, chiuderà il programma della prima settimana del festival. “Euphoria Show” del Quartetto Euphoria sarà infatti la concreta dimostrazione di come bellezza e talento artistico possano andare a braccetto con divertente leggerezza. Tutte doti che Marna Fumarola e Suvi Valjus (violino), Hildegard Kuen (viola) e Michela Munari (violoncello) incarnano ed esprimono attraverso uno spettacolo che esalta l’interpretazione comica e stilisticamente perfetta della musica classica con il grande merito di farla avvicinare ad un pubblico trasversale e più di quello consueto. Una vocazione, declinata maggiormente nei toni di una divertente pazzia, che non si perderà nemmeno lunedì 10 agosto con lo spettacolo “Abelinauti, Follia contagiosa in musica” a cui Enrique Balbontin, Andrea Ceccon, Fabrizio Casalino e Alessandro Bianchi, ovveroi Pirati dei Caruggi, daranno vitainsieme con con il mezzosoprano Annamaria Chiuri e Gianluca Ascheri. Sarà il degno inizio di una settimana che completerà al meglio il programma di un festival che, nonostante le difficoltà legate al periodo segnato dall’emergenza corona virus, ha già adesso dimostrato di aver colto nel segno.