All That Music! Genova, sul palco di Villa Bombrini il Carlo Aonzo Trio con “Mandolitaly”

Carlo Aonzo by Angelica Colombini

Savona / Genova | Per la rassegna “All That Music!” domenica 9 agosto alle ore 21 sul palco di Villa Bombrini a Cornigliano insieme a Carlo Aonzo ci saranno i suoi fedeli collaboratori Lorenzo Piccone alla chitarra acustica e Luciano Puppo al contrabbasso.

Carlo Aonzo, mandolinista italiano di fama internazionale, è nato a Savona dove è cresciuto immerso nella musica; la sua stessa abitazione era sede della Scuola di Musica del Circolo Mandolinistico “G. Verdi”. nella sua lunga carriera artistica ha collaborato con prestigiose istituzioni come l’Orchestra Filarmonica del Teatro alla Scala di Milano e si è esibito in tutto il mondo nelle maggiori sale da concerto come la Carnegie Hall di New York e la Filarmonica di San Pietroburgo (Russia). Concertista, ricercatore, docente e, dal 2006 fondatore e direttore dell’Accademia Internazionale Italiana di Mandolino.

Carlo Aonzo vanta un’ampia discografia sia in ambito classico che in diversi altri generi musicali. Domenica a Vlla Durazzo-Bombrini il Carlo Aonzo Trio presenterà il recente lavoro discografico dal titolo “Mandolitaly“, un titolo che vuole rimarcare la grande diffusione del mandolino nel mondo e la sua “propensione” al viaggio che ha contribuito enormemente all’affermazione in ogni angolo del globo dell’identità italiana di cui è simbolo indiscusso, un meraviglioso e popolare strumento musicale che vanta il maggior numero di varianti e fa della “diversità” la sua ricchezza.

Attraversando l’intera penisola “Mandolitaly” interpreta le pagine musicali simbolo della tradizione del Bel Paese nel mondo, gli arrangiamenti del Trio creano nuove suggestioni ed il personalissimo stile moderno ed eclettico di Aonzo rende la rilettura di questo repertorio attuale e sorprendente.

Da Calace a Modugno alla migliore tradizione canzonettistica italiana, “Mandolitaly” getta una luce nuova sulla nostra memoria musicale: dalle internazionali “Arrivederci Roma” e “Nel blu dipinto di blu (Volare)” ai grandi compositori, padri storici del mandolino.