Albenga: Tari ridotta del 25% alle attività commerciali

Riduzione corrispondente ad un intero trimestre per tutte le attività commerciali di Albenga costrette alla chiusura dall’emergenza Covid; bar, ristoranti, negozi, campeggi, alberghi, potranno usufruire di questa agevolazione

Seduta Consiglio Comunale Albenga
Una Seduta del Consiglio Comunale di Albenga (foto Archivio)

Albenga | Durante il Consiglio comunale di questa sera verrà deliberato il 25% di riduzione della tariffa Tari, corrispondente ad un intero trimestre, per tutte le attività commerciali di Albenga costrette alla chiusura dall’emergenza Covid. Bar, ristoranti, negozi, campeggi, alberghi, potranno quindi usufruire di questa agevolazione.

“Dopo aver sostenuto le famiglie in difficoltà all’inizio dell’emergenza Covid, abbiamo voluto adesso spostare la nostra attenzione nei confronti del tessuto economico cittadino, mettendo direttamente in campo risorse proprie dell’ente. Riteniamo questo un grande risultato e come Sindaco ne sono davvero orgoglioso” commenta Riccardo Tomatis.

In qualità di assessore al Bilancio, afferma Silvia Pelosi, “sono davvero contenta di questo risultato. Per la prima volta un’amministrazione comunale, interviene in maniera così decisa per ridurre le tasse locali. Facendo seguito a quanto da me sostenuto nelle ultime settimane, oggi posso affermare con orgoglio di aver mantenuto la parola data ai nostri concittadini e agli imprenditori locali. Lavorando sul bilancio comunale, grazie anche all’ottima sinergia con il dirigente dell’area finanziaria Dott. Massimo Salvatico ed il suo staff, siamo infatti riusciti ad ottenere questa importante riduzione del 25% sulla Tari per tutte le attività costrette alla chiusura dal covid. Un risultato ancora più straordinario, considerando che nessun servizio è stato o verrà ridotto e che non ci sarà nessun aumento sulle tariffe, nemmeno su quelle domestiche, come al contrario suggeriva invece di fare ARERA, l’autorità di regolamentazione per l’energia reti e ambiente, nelle sue linee guida. Un’operazione davvero virtuosa e di buona politica, nell’interesse esclusiva dell’economia cittadina.”

Soddisfazione condivisa anche dal consigliere di maggioranza Vincenzo Munì (Italia Viva): “Come consigliere e come membro dell’amministrazione comunale – spiega Munì –, ho sempre ritenuto fondamentale sostenere l’economia cittadina, per questo sono molto soddisfatto di questo risultato. Aiutare in maniera concreta, con una riduzione così forte su un’imposta locale anche tutte quelle attività che per mesi a causa della chiusura forzata, hanno visto grandemente ridursi il loro volume di affari, non rappresenta solamente una scelta di equità, ma anche un sostegno concreto all’occupazione”. “Aiutare chi crea lavoro oggi che purtroppo i dati ci parlano di una sempre maggiore preoccupazione economica, significa infatti sostenere il futuro sviluppo della nostra città” conclude il consigliere Vincenzo Munì.