Alassio, l’Enpa savonese chiede una lapide per gli animali morti nell’ex Mattatoio

Enpa: “Dal 1913 al 1986 nel mattatoio comunale della Fenarina ad Alassio, vennero uccisi migliaia di animali”

Alassio - U massatoiu - ex mattatoio oggi

Alassio | Il dismesso “U Massatoiu” di Alassio, come ricorda la parola stessa, non era un luogo di villeggiatura per quadrupedi, e “per ricordare i tanti animali che vi hanno perso la vita la Protezione Animali savonese ha proposto in questi giorni al sindaco l’installazione di una piccola lapide in loro memoria ed attende fiduciosa una risposta”.

Di quel che rimane dell’edificio, vincolato da una dichiarazione di “interesse culturale” dalla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Liguria,  è in corso un progetto di riqualificazione del Comune di Alassio per trasformarlo in un polo culturale, promosso dall’associazione locale “U Massatoiu” da alcuni anni. La struttura è stata anche oggetto di un’accurata ricerca universitaria della dottoressa Alissa Boggetti, che ha raccolto documentazione e disegni ed elaborato un progetto di riqualificazione dell’ex Mattatoio.

“Dal 1913 al 1986 – lamentano gli animalisti dell’Enpa savonese – nel mattatoio comunale della Fenarina ad Alassio, vennero uccisi migliaia di animali; bovini, suini, ovini e caprini venivano tenuti qualche giorno nelle stalle del complesso, in attesa di perdere il bene più prezioso per qualsiasi essere vivente”. Da qui la loro richiesta inviata all’amministrazione comunale alassina.