Consiglio Comunale a Savona, Liguria Popolare chiarisce la posizione della Consigliera Susanna Karunaratne

Il Coordinatore savonese Matteo Marcenaro: "il nostro obiettivo primario è tutelare le fasce deboli e gli operatori commerciali duramente colpiti dalla crisi"

facciata Palazzo del Comune di Savona

Savona | “Il voto espresso dalla Consigliera Comunale Susanna Karunaratne, aderente a Liguria Popolare, nel corso della seduta consiliare di ieri è la conferma della civicità ed indipendenza del nostro movimento, che ha come unico riferimento l’interesse di cittadini ed imprenditori della nostra Regione” afferma il  Coordinatore provinciale savonese di Liguria Popolare Matteo Marcenaro.

“Infatti le proposte portate all’attenzione del Consiglio Comunale di Savona finalizzate a tutelare fasce deboli della popolazione ed operatori commerciali duramente colpiti dalla crisi Covid ci parevano di assoluto buonsenso, tanto che in diverse occasioni proprio la consigliera Karunaratne aveva tentato sottoporle ad una valutazione della maggioranza” continua Marcenaro.

Matteo Marcenaro - Liguria Popolare Savona

“Per questo l’unico rammarico che ci rimane da questa vicenda non è l’aver votato con l’opposizione, anche se in realtà noi abbiamo votato come la Lega principale partito di maggioranza, ma il non essere riusciti a far prevalere all’interno dell’amministrazione nella quale collaboriamo fedelmente da 4 anni tali proposte, prima che si arrivasse al Consiglio – prosegue l’esponente popolare – E su questo punto se chi ieri, come noi ha dimostrato di condividere i principi contenuti negli emendamenti dell’opposizione, fosse stato più coerente già in giunta, dove noi non siamo rappresentati, forse si sarebbe potuto ottenere il medesimo risultato con un voto all’unanimità dell’assemblea cittadina”.

“Siamo invece sicuri che l’ulteriore riduzione della TARI per famiglie con redditi bassi ed operatori commerciali sia una giusta iniziativa per tutelare chi da questi mesi esce sicuramente più indebolito e con maggiori ansie per il futuro, indipendentemente da chi abbia firmato e votato gli emendamenti” prosegue il coordinatore savonese.

“Come siamo sicuri che Liguria Popolare ed i suoi rappresentanti in questa vicenda, come in altre, abbiano dimostrato di porsi sempre dalla parte dei cittadini che vengono prima di qualsiasi passaggio burocratico. Noi crediamo infatti che la burocrazia debba essere al servizio delle esigenze di imprese e persone fornendo  servizi e risposte ai loro bisogni, non il contrario – conclude Matteo Marcenaro – Ci auguriamo infine che questa vicenda aiuti tutti a comprendere che le scelte strategiche di un’amministrazione devono essere condivise tra tutte le sensibilità che in essa sono rappresentate”.