Consiglio comunale di Albenga: via libera al nuovo Lidl

"questa attività di media distribuzione sorgerà in una zona già commerciale senza andarne a modificare il tessuto economico"

carrello negozio

Albenga | È passata con 10 favorevoli (maggioranza ed il consigliere Roberto Tomatis), 3 contrari (Calleri, Porro, Ciangherotti) 1 astenuto (Minucci) la pratica che apre la via alla costruzione di un nuovo punto vendita Lidl in Via al Piemonte. Ad illustrare il punto all’ordine del giorno è stato il sindaco Riccardo Tomatis che ha spiegato che in Consiglio Comunale è stata votata la variante urbanistica per la realizzazione di un’attività commerciale di media distribuzione (Lidl) in Regione Bagnoli.

Spiega il sindaco Riccardo Tomatis: “Dal punto di vista urbanistico i privati che realizzeranno questa struttura di media distribuzione realizzeranno anche un parcheggio in parte ad uso pubblico, il rifacimento di una rotonda in via al Piemonte la realizzazione di una strada che collegherà viale Martiri della Foce con via al Piemonte comprensivi di marciapiedi oltre al versamento di 100 mila euro quale contributo straordinario dovuto al cambio di destinazione d’uso della superficie e 67 + 72 mila euro per oneri di urbanizzazione.”

Il consigliere Ciangherotti ha presentato una lettera di Lega Coop, Confcommercio e Confesercenti chiedendo di sospendere la pratica, ma la richiesta è stata respinta. Secondo la maggioranza i negozi esistenti non verranno penalizzati: “Le piccole realtà locali e di vicinato ci sono sempre state a cuore, ma in questo caso riteniamo che non subiranno la diretta concorrenza del Lidl, non solo perché si rivolgono ad un mercato e un’utenza completamente diversa, ma anche perché questa attività di media distribuzione sorgerà in una zona già commerciale senza andarne a modificare il tessuto economico (sono infatti già presenti nella stessa area Ipercoop ed Eurospin). Inoltre la realizzazione di questo intervento comporterà vantaggi urbanistici ed economici dovuti anche al versamento di oneri di urbanizzazione”.