Consiglio comunale di Albenga: minoranza divisa sulla tutela dell’Ospedale

Consigliere Roberto Tomatis, pronto a fare un passo per la tutela dell’Ospedale costretto dai colleghi di minoranza a ritirare l’emendamento proposto

Ospedale Albenga

Albenga | Consiglio comunale: la minoranza si è divisa sulle questioni aperte che riguardano l’ospedale di Albenga. Il consigliere Tomatis, pronto a fare un passo verso un percorso condiviso a tutela dell’Ospedale Santa Maria di Misericordia, fa marcia indietro dopo la riunione dei capogruppo e ritira l’emendamento che aveva proposto – e che la maggioranza era disposta a votare al fine di essere uniti e coesi a tutela dei cittadini e del territorio – perché gli altri consiglieri di opposizione non lo hanno seguito nel suo intento. La questione è emersa a seguito dell’Atto d’indirizzo politico amministrativo a tutela dell’Ospedale volto a garantire la destinazione pubblica e il ripristino delle funzioni essenziali presentato in consiglio dalla maggioranza a seguito della notizia della vittoria del ricorso presentato al Tar dal Policlinico di Monza in merito al bando per l’affidamento dell’ospedale alla gestione dei privati.

Affermano i consiglieri di maggioranza: “Il punto essenziale oggi è la tutela del nostro territorio e della salute pubblica di tutti i cittadini per questo apprezziamo la proposta di emendamento presentata dal consigliere Roberto Tomatis che ha dimostrato attaccamento all’ospedale e al territorio mentre gli altri consiglieri di minoranza hanno preferito fare scelte esclusivamente politiche”. Sottolinea il sindaco Tomatis: “Spiace che l’intenzione del consigliere Tomatis di proporre un emendamento volto ad approvare, tutti insieme, un atto a tutela dei nostri concittadini, non sia stato accolto dagli altri consiglieri di minoranza. Oggi le condizioni sono cambiate e potremmo rivalutare, anche attraverso un percorso condiviso con l’Assessore Regionale Sonia Viale, le decisioni sul nostro ospedale. Il dialogo è aperto, il Presidente del Consiglio Diego Distilo ha già convocato l’assessore per il prossimo 26 giugno quando si riunirà nuovamente la commissione sanità e spero che potremo discutere anche su queste tematiche.”

Il consigliere Mirco Secco sul tema sanità/politica dall’aula del consiglio comunale lancia una proposta: “È iniziato il mercato, personaggi e schieramenti, siano essi del centrodestra che del centrosinistra promettono e lusingano, ma soltanto perché vogliono i voti di Albenga senza fare nulla in cambio per il nostro territorio. Ecco, stasera vorrei chiedere a tutti noi e voi di rifiutare qualsiasi proposta di candidatura alle prossime regionali. Diamo un forte segnale di compattezza territoriale, dimostriamo a tutti che non pensiamo al nostro ego, ma vogliamo il bene del nostro territorio. Albenga è stufa e stanca di essere irrisa, diamo un segnale forte smettiamola di essere proni e servili a chi del nostro futuro ha sempre dimostrato di infischiarsene.” Richiesta di compattezza che, però, non è stata accolta.