Tari e Imu Comune di Alassio: esenzioni e rinvii

Esenti dal pagamenti Tari le categorie oggetto del lockdown per tutto il periodo di chiusura. Per l'Imu proroga dei pagamenti al 30 settembre. Mordente: "una manovra totale di circa 180.000 Euro finanziata da soli fondi di bilancio, senza alcun contributo dall’Amministrazione centrale"

Il Palazzo del Comune di Alassio

Alassio | Una manovra totale di circa 180.000 Euro finanziata da soli fondi di bilancio. Ancora una volta il Comune di Alassio mette mano al Bilancio per gestire una delle numerose criticità derivate dal lockdown e dall’emergenza sanitaria.

“La normativa nazionale – spiega Patrizia Mordente, assessore al Bilancio del Comune di Alassio – aveva previsto una riduzione del 25% sulla Tari per alcune categorie, senza però provvedere ad affiancare al Decreto la necessaria copertura finanziaria. Approssimandosi le scadenze nei giorni scorsi abbiamo pubblicato il nuovo regolamento Tari, che porteremo in discussione durante il prossimo Consiglio Comunale, che per il 2020 prevede, tra le altre cose, per tutte le attività economiche che sono state oggetto del lockdown, l’esenzione totale dal pagamento della Tari per tutto il periodo di chiusura (previsto da Decreto). Inoltre, visto che tra le categorie aventi diritto all’esenzione rispetto alla normativa nazionale non rientravano alberghi e strutture turistico-ricettive, per queste abbiamo voluto comunque prevedere una riduzione del 10%”.

“Si tratta di una manovra totale di circa 180.000 Euro finanziata da soli fondi di bilancio, senza alcun contributo dall’Amministrazione centrale. Un grande sforzo che l’amministrazione Melgrati Ter sta portando avanti per sostenere la ripartenza e il lavoro delle categorie cittadine”. Stamattina inoltre, la Giunta Comunale ha deliberato, una proroga anche per il pagamento dell’IMU, per tutti, privati e non. “Semplicemente –  spiega ancora Mordente – non applicheremo sanzioni per pagamenti effettuati fino al 30 settembre”.