Terziario distribuzione e servizi:l’Ebinter approva il regolamento per cofinanziamenti

Davide Guarini

Genova / Roma |Entra nel vivo la fase attuativa dell’intesa raggiunta nelle scorse settimane tra i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e l’associazione imprenditoriale Confcommercio sul sostegno al reddito dei lavoratori del terziario, distribuzione e servizi attraverso la bilateralità di settore e sull’erogazione prestazioni sanitarie integrative attraverso i Fondi e le Casse di Assistenza Sanitaria Integrativa di origine contrattuale.

Il Comitato Esecutivo e l’Assemblea straordinaria di Ebinter, l’Ente Bilaterale Nazionale del Terziario, approvando il Regolamento per il cofinanziamento delle diverse iniziative messe in campo a livello territoriale per fronteggiare l’emergenza sanitaria Covid-19 e autorizzando l’impiego delle risorse destinate ad attività istituzionali, hanno decretato l’avvio del più importante intervento messo in campo dalla bilateralità contrattuale nel nostro Paese finalizzato a sostenere le lavoratrici ed i lavoratori dipendenti ed i datori di lavoro alle prese con l’emergenza Coronavirus.

Nel merito Ebinter ha deliberato lo stanziamento di risorse da corrispondere a titolo di cofinanziamento per complessivi 8,5 milioni di euro da destinare alle attività messe in campo dagli Enti bilaterali territoriali del Terziario Distribuzione e Servizi per sostenere interventi straordinari volti al riconoscimento di Contributi di Solidarietà per i lavoratori beneficiari dei trattamenti di integrazione salariale in deroga ed interessati da sospensione della propria attività lavorativa a causa dell’emergenza Covid-19, per l’erogazione di Contributi atti a fronteggiare esigenze di conciliazione vita privata-lavoro determinatesi dall’emergenza in atto (congedi parentali e sostegno alla genitorialità), nonché Contributi volti a sostenere interventi aziendali destinati a rafforzare la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro (per esempio da realizzarsi per il tramite dell’acquisto di mezzi e di dispositivi di protezione individuali).

Si stima che l’ammontare complessivo degli interventi che beneficeranno del cofinanziamento dell’Ebinter potrà raggiungere 17 milioni di euro. In tema di Assistenza Sanitaria Integrativa sono già riconosciute prestazioni aggiuntive per i lavoratori affetti da Covid-19, nonché l’applicazione della copertura sanitaria anche al personale interessato da ammortizzatori sociali.

«Si concretizzano le intese raggiunte dal sistema delle relazioni sindacali del terziario, distribuzione e servizi valorizzando l’intervento della bilateralità settoriale che ancora una volta si conferma una scelta vincente a sostegno di lavoratori e imprese del settore su cui ha notevolmente impattato la crisi pandemica» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini. «Dopo gli accordi tra le Parti sulla costituzione dei Comitati Territoriali e Aziendali e sulla definizione dei Protocolli da osservarsi nella fase successiva al lockdown – ha concluso il sindacalista – crediamo di aver contribuito alla riapertura in sicurezza dei luoghi di lavoro, pienamente consapevoli dei possibili rischi e altrettanto della necessità dei lavoratori e degli utenti di transitare in ambienti sicuri».