Mai scrive a ministro Bellanova “nuove norma per i cassaintegrati in agricoltura”

coronavirus interno casa

Genova | L’assessore regionale all’Agricoltura, Stefano Mai, ha scritto al ministro delle Politiche agricole, Teresa Bellanova, per chiedere che i lavoratori agricoli in cassa integrazione, possano comunque lavorare in azienda.

“La mia proposta è semplice – spiega l’assessore Mai -. Attualmente a livello nazionale è stata concessa una cassa integrazione in deroga di massimo nove settimane per i dipendenti agricoli. Tuttavia le norme oggi consentono che i lavoratori titolari di strumenti di sostegno al reddito e in costanza di rapporto di lavoro, possano svolgere attività a fini di pubblica utilità a beneficio della comunità territoriale di appartenenza, nel territorio comunale di residenza. Per questo motivo ho formalizzato la richiesta che avevo già sottoposto al ministro in data 14 aprile, circa la possibilità da parte delle aziende agricole di cassaintegrare i loro dipendenti e dare quindi la possibilità a questi lavoratori di prestare servizio nelle aziende agricole di cui sono dipendenti”.

“Questo intervento rappresenterebbe un aiuto fondamentale per le imprese liguri del settore. Quindi ho chiesto al ministro Bellanova di renderlo possibile. Si tratta di una misura che può essere valida per tutto il territorio nazionale, e non solo per la Liguria”. “La filiera agricola ha lavorato durante tutta l’emergenza per assicurare al Paese il suo apporto. Merita la nostra massima attenzione. Sono in gioco lavoro, famiglie, imprese, tradizioni, storia e le nostre eccellenze. Spero che il ministro Bellanova recepisca la mia richiesta e agisca celermente” conclude l’assessore Mai.