Regione Liguria, Gruppo Pd: “sblocco cassa in deroga e Fis, a noi interessa risultato non il rimpallo di responsabilità”

"crediamo sia utile che la Regione intervenga sull'articolazione regionale dell'Abi e sugli istituti più importanti, per verificare, sollecitare e vigilare che si adottino scelte operative, uniformi e in tempi rapidi"

ABI

Genova | Sul tema dello sblocco della cassa integrazione in deroga e del Fondo d’integrazione salariale (Fis), affermano i consiglieri del Gruppo Pd in Regione Liguria, “a noi non interessa il rimpallo di responsabilità tra centro e periferia e viceversa. Ci interessa, invece, che arrivino i sussidi a chi ne ha bisogno”.

“Visto che l’Inps paga a un mese e il Governo ha siglato un protocollo con l’Associazione bancaria italiana (Abi) per anticipare le somme, siccome molti istituti, purtroppo, per i più svariati motivi, non anticipano o non smaltiscono le pratiche in modo tempestivo, crediamo sia utile che la Regione intervenga sull’articolazione regionale dell’Abi e sugli istituti più importanti, per verificare, sollecitare e vigilare che si adottino scelte operative, uniformi e in tempi rapidi. A noi interessa il risultato finale e cioè che le somme stanziate dal Governo arrivino ai lavoratori che ne hanno bisogno” concludono i consiglieri del Gruppo Pd in Regione Liguria.

Per quanto riguarda la richiesta dei consiglieri del Pd di sollecitare Abi regionale per l’anticipo della cassa in deroga secondo il protocollo siglato con il Governo, l’assessore al Lavoro Gianni Berrino precisa: “Abbiamo già incontrato l’articolazione regionale di Abi due settimane fa. Il lavoratore deve passare all’istituto di credito il codice comunicato dall’Inps per sbloccare il pagamento: se ci sono degli istituti che si rifiutano di attivare la procedura i lavoratori possono comunicarcelo, ma finora all’assessorato non sono arrivate segnalazioni in merito”.