Covid-19: a Loano riaprono al pubblico cimiteri, arenile e moli

Il sindaco ha disposto la riapertura al pubblico dei cimiteri di Loano e revocato alcuni divieti recependo le indicazioni dell'ultima ordinanza (n. 20) regionale di domenica

Controlli PM Pasqua a Loano

Loano | Alla luce di quanto previsto dall’ordinanza 22/2020 firmata domenica dal presidente di Regione Liguria inerente le “Misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”, il sindaco Luigi Pignocca ha disposto la riapertura al pubblico dei cimiteri di Loano (capoluogo, Berbena e Verzi) a partire dalla giornata di mercoledì 29 aprile.

La frequentazione dei campisanti da parte dei cittadini è vincolata al rispetto delle vigenti disposizioni in materiale di distanziamento sociale. In accordo con Tpl Linea è stata disposta anche la riattivazione del servizio di bus-navetta verso il cimitero Berbena.

A partire da oggi, lunedì 27 aprile, è revocato il divieto di accesso ad arenile, moli e “pennelli”. Restano invece interdetti al pubblico i parchi pubblici, i parchi gioco per bambini e quelli che ospitano attrezzature sportive. La stessa ordinanza regionale stabilisce che da oggi, lunedì 27 aprile, è possibile “svolgere le passeggiate all’aria aperta in modo individuale o coinvolgendo residenti nella stessa abitazione nell’ambito del comune di residenza (o abituale domicilio) dalle 6 alle 22”.

Sono anche consentiti “corsa e utilizzo della bicicletta, dalle 6 alle 22 ed esclusivamente in modalità individuale, nell’ambito del comune di residenza (o abituale domicilio)” e anche “passeggiata a cavallo, pesca sportiva dilettantistica lungo le acque interne e barre di foce, pesca ricreativa in mare (da svolgersi esclusivamente lungo moli, banchine e pennelli) dalle 6 alle 22 nell’ambito del comune di residenza (o abituale domicilio) e esercitati individualmente, nel rispetto del distanziamento sociale e della normativa vigente”.