Alassio: manutenzioni straordinarie per Sca

Preve: "Nonostante le difficoltà operative e gestionali stiamo cercando di reperire i fondi per continuare a migliorare il sistema idrico e depurativo di Sca"

Collettore riparato ad Alassio Sca

Alassio | In previsione della stagione estiva il comparto tecnico della SCA, nel rispetto delle normative sul tema della sicurezza dei lavoratori a seguito del Covid-19 e con personale razionalizzato, non ferma il programma lavori di manutenzione straordinaria agli impianti, programmati in previsione della stagione estiva. Nello specifico il lavoro svolto nel pomeriggio di ieri, ha visto la sostituzione di un collettore che, rispetto al suo impiego originario, ha dovuto essere adeguato essendo aumentate le portate in ingresso presso la vasca di Madonna delle Grazie.  

“Il polmone di accumulo più grande del territorio Alassino – spiega il direttore tecnico di Sca, Adriano Baldini – generava una serie di turbolenze sui fluidi che causavano forti vibrazioni con l’effetto, non solo di produrre un rumore fastidioso percepito da tutti gli abitanti nella zona limitrofa alla vasca, ma sopratutto di far correre il rischio che, nel periodo di maggior afflusso turistico, la condotta potesse essere compromessa in maniera seria con il relativo disservizio alla popolazione”. I lavori, coordinati dallo stesso Direttore Tecnico Adriano Baldini e eseguiti dal tecnico Capo Area Roberto Paulli, ancora una volta, grazie alle nuove tecnologie disponibili, sono stati eseguiti senza sospendere l’erogazione del Servizio.

“Lo stato crisi che stiamo vivendo – aggiunge Emanuela Preve, presidente di Sca – sta incidendo anche sui flussi di cassa in ingresso nell’azienda in quanto la chiusura totale degli esercizi commerciali e delle strutture ricettive, rispetto all’anno precedente, ha generato, com’era naturale che fosse, un brusco calo nella fatturazione. Nonostante questo il management ha continuato a lavorare anche per reperire i fondi necessari ad eseguire i lavori e per proseguire nell’impegno di migliorare il sistema idrico e depurativo dei Comuni soci di SCA”.