Loano, il Covid-19 non ferma il settore di edilizia privata del Comune

Burastero: “Gli investimenti sulla digitalizzazione dei procedimenti effettuati negli anni scorsi hanno dato il loro frutto più importante proprio in questo momento"

Videoconferenza Edilizia Loano

Loano | Il lockdown non ha interrotto l’attività del Settore Edilizia Privata del Comune di Loano. Ciò è stato possibile grazie alle tecnologie per lo smart-working attivate dall’assessore Vittorio Burastero e dal dirigente Aldo Caballini. “Non appena è stato decretato il lockdown – spiega l’assessore Burastero – ho chiesto subito chiesto al dirigente di verificare la possibilità di mettere in campo tutti gli strumenti necessari per portare avanti tutte le pratiche edilizie, sia quelle giacenti che quelle di nuova presentazione. Il settore di edilizia privata ha risposto protamente: a parte il dirigente Caballini (che ha continuano a recarsi in municipio insieme al geometra Pier Giulio Calcagno, ovviamente rispettando le distanze di sicurezza e lavorando in uffici diversi), tutti gli altri dipendenti hanno iniziato a lavorare da casa in smart-working”.

“Gli investimenti sulla digitalizzazione dei procedimenti effettuati negli anni scorsi hanno dato il loro frutto più importante proprio in questo momento. La tecnologia che già ci aveva consentito di trasferire in digitale tutta la procedura relativa ai permessi di costruire ed agli altri titoli edilizi (partendo dalla presentazione dell’istanza al rilascio del titolo) ci ha consentito di poter continuare a svolgere il lavoro”. Nel corso della scorsa settimana, grazie anche alla collaborazione dei vari componenti, si sono svolte in videoconferenza una Commissione Edilizia ed una Commissione Locale per il Paesaggio: “Si tratta di un’altra novità – ribadisce Vittorio Burastero – che, con una certa lungimiranza, avevamo già previsto nel nuovo Regolamento Edilizio. Ciò ci ha permesso di rispettare la piena legittimità di tutti gli atti”.

“Il Comune di Loano ha sempre creduto nello sviluppo dell’informatica. Il rapporto col digitale ha da sempre impegnato il Servizio Informatica e tutti i dipendenti che hanno voluto impegnarsi per tenersi al passo coi tempi. Ma non è solo questo che ci ha spinto ad andare avanti. Abbiamo scelto di impegnarci guardando con ottimismo alla cosiddetta ‘Fase 2’. Il nostro interesse si è concentrato sulla possibilità che i committenti, appena se ne presenterà la possibilità, possano far partire le imprese nella realizzazione dei lavori edili. Sappiamo che il comparto sta soffrendo, così come tanti altri comparti, e ci vogliamo far trovare pronti nel momento in cui si potrà ripartire. È questo un augurio che faccio a tutte le categorie produttive”. “A nome di tutta l’amministrazione comunale ringrazio il dirigente Aldo Caballini e tutti i dipendenti per il grande sforzo profuso per mantenere il Settore Edilizia Privata attivo ed operativo anche in questa situazione di estrema difficoltà”, conclude Burastero.